Come deve essere presentato un progetto per risultare vincente agli occhi degli investitori? (Parte II)

Presentare la propria idea imprenditoriale non è mai stato così facile: i consigli per realizzare un'ottima presentazione del proprio piano finanziario, in modo tale da fornire al proprio presunto investitore tutte le informazioni necessarie per conoscere quale sarà il proprio tornaconto economico. I consigli sulla grafica da adottare e tutti i segreti per una comunicazione efficace.

Oramai è abbastanza noto, per far breccia nel portafogli di un investitore è necessario mettere in atto una serie di astuzie e capacità, tanto impegno e molto spirito creativo. Non è sufficiente avere un buon progetto imprenditoriale, ciò a cui bisogna mirare è commuovere il proprio pubblico di probabili finanziatori, in modo da realizzare la propria idea e metterla sul mercato.
Redigere una buona presentazione fa la differenza. Tuttavia, talvolta, è necessario puntare oltre e impreziosire il documento scritto con immagini e pitch, in grado di stupire il pubblico. In particolar modo, tale metodologia di promozione è valida per coloro i quali decidono di sfruttare le piattaforme online, quali ad esempio quelle di crowdfunding.
Vale la pena redigere e creare una buona presentazione, in quanto è proprio quella che consente di accedere alle risorse finanziarie degli investitori, soprattutto quando a presentarsi è una startup. Quest'ultima, infatti, non possedendo un passato finanziario può solamente prospettare un futuro roseo, ma per farlo deve adoperare tutti i mezzi per convincere il proprio finanziatore di ciò.
In altri articolo, presenti all'interno di questa guida, si è approfondito il discorso in merito alle tecniche, ai consigli, alla struttura, che deve possedere una presentazione di una proposta progettuale per risultare ottima agli occhi degli investitori.
Il discorso della prima parte ha toccato vari aspetti di una buona presentazione, ovvero quelli legati al modello organizzativo perseguito, ma anche all'emozione e a tutti quegli espedienti in grado di mutare aspetto alla propria proposta progettuale. La terza parte, invece, ha focalizzato l'attenzione soprattutto sul management, sui rischi, e sullo stato di avanzamento dell'idea imprenditoriale.
Dunque per avere un quadro completo dell'argomento trattato è consigliabile consultare i seguenti link:

Qui di seguito oltre a continuare e concludere il discorso cominciato nella prima parte, si desidera attenzionare la parte economica della presentazione, ovvero, le previsioni finanziarie che è necessario fare quando si vuole conquistare un investitore, non tralasciando i rischi dell'investimento, ma soprattutto risaltando il guadagno futuro.

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DI UNA BUONA PRESENTAZIONE? QUALI SONO LE PRINCIPALI PARTI DI CUI ESSA SI COMPONE?

Prima di cominciare a trattare l'argomento chiave del presente articolo è necessario soffermarsi su alcune delle caratteristiche peculiari della presentazione di una proposta progettuale.
In primis, una presentazione deve contenere al suo interno specifiche parti, in modo tale da fornire ad un futuro investitore tutte le informazioni possibili che lo conducano verso una scelta sicura, decisa nonché sentita e coinvolta.
I punti in questione sono elencabili tra i seguenti:

  1. una descrizione dell'idea del progetto innovativo dal quale si parte;
  2. una breve analisi del mercato di riferimento;
  3. l'individuazione del target prescelto verso cui indirizzare la propria idea innovativa;
  4. lo studio attento della concorrenza, se esistente, ponendo in risalto il vantaggio competitivo della propria proposta e sottolineandone le caratteristiche di differenziazione;
  5. il modello organizzativo su cui si fonda il proprio progetto;
  6. gli obbiettivi perseguiti;
  7. le previsioni finanziarie che il progetto imprenditoriale si propone di raggiungere;
  8. il ritorno di investimento;
  9. i possibili rischi e le eventuali strategie di uscita.

DESCRIZIONE DEL PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO

Sebbene tutti i punti di una presentazione siano indispensabili, come anche importanti, ve ne è uno che riveste un ruolo preponderante, in quanto, praticamente, l'investitore decide di elargire il proprio denaro, quasi esclusivamente per un tornaconto.
L'investitore deve "sentire" che il denaro che sta investendo per una proposta progettuale gli porterà sicuramente guadagno, per questo motivo, decide di rischiare. Il compito del progettista è proprio quello di conquistare l'investitore, ma ugualmente, non ingannarlo, prospettandogli un chiaro e preciso futuro finanziario.
La presentazione della propria proposta progettuale, infatti, oltre ad essere emozionante deve anche contenere un messaggio, delle informazioni chiare e trasparenti.
Dopo aver analizzato il mercato e il target di riferimento, dopo aver chiarito quale sia il modello organizzativo che si decide di perseguire, prospettando gli obbiettivi e il termine di raggiungimento, è il momento di redigere una sintetica esposizione dei valori economici che entrano in gioco nel momento in cui un investitor decide di elargire una data somma di denaro per finanziare una proposta imprenditoriale.
La descrizione del piano economico e finanziario prospettato deve considerare un orizzonte temporale di cinque anni, in modo tale da fornire una chiara ed esaustiva previsione del conto economico, del cash flow e della situazione patrimoniale, ricostruendo i flussi monetari, ovvero la differenza delle entrate e delle uscite.
Le previsioni, pur necessitando di precisione e di chiarezza, possono anche essere sintetiche, in modo tale da non annoiare l'investitore. C'è da ricordare, infatti, che ciò che si sta elaborando è una presentazione che deve conquistare ed emozionare i finanziatori; è come se il pubblico dovesse pagare dopo la visione di uno spettacolo teatrale: se questo sarà di suo gradimento, allora la gente finanzierà il biglietto, altrimenti andrà a casa senza passare dalla cassa. Stessa cosa accade per i progetti imprenditoriali, in particolar modo per quelli che sono attivi su portali online: gli investitors vengono continuamente bombardati da mille progetti, ma di questi solamente alcuni riescono nell'intento di avere un finanziamento e trasformare la propria idea in realtà.
Non avere le idee chiare sui valori economici in gioco potrebbe essere causa di un netto rifiuto da parte di un investitor.

COSA È INDISPENSABILE DESCRIVERE CON CHIAREZZA ALL'INTERNO DI UN PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO?

Proprio per evitare che le informazioni fornite in merito al piano finanziario  risultino poco chiari, soprattutto per ciò che riguarda le quantità economiche in gioco e sul ritorno di investimento, è opportuno che la presentazione non tralasci i seguenti punti:

  • indicare in maniera precisa e chiara quale sia l'ammontare dell'investimento richiesto;
  • specificare in quale modo si intenda spender i soldi dell'investimento;
  • fare esempi pratici del ritorno economico previsto dall'investimento, ad esempio se si chiede una certa cifra, quale sarà la percentuale di guadagno;
  • elencare i capitali eventualmente già raccolti, quali ad esempio delle collaborazioni industriali o finanziarie, precisando la tipologia e i soggetti che li hanno conferiti.

Va da sé che non è consigliabile fare i vaghi e non specificare le quantità economiche sul ritorno dell'investimento.

UN ELEMENTO DA NON SOTTOVALUTARE: LA GRAFICA

Forse, ai giorni nostri, siamo troppo abituati a vedere un pacco di biscotti invitante o una bottiglia di qualche bevanda che attira, anche solamente per i colori o per il packaging, tuttavia, come tutti sanno, molti sono gli studi che stanno dietro alle nostre scelte, ai nostri gusti: il risultato è quello di avere mille prodotto e sceglierne sempre uno perché il più buono, il più bello, il più affidabile e l'elenco potrebbe continuare.
Senza addentrarsi troppo nella sfera del marketing e della pubblicità, pur tuttavia non facendo un'argomentazione spicciola e insignificante, è importante sottolineare quanto sia importante l'aspetto grafico, all'interno di una presentazione di una proposta imprenditoriale.
Font, pantoni, animazioni e immagini, risultano essere le cose che risaltano maggiormente agli occhi di un qualsiasi spettatore inconscio. Curare tutti i dettagli di una presentazione, non significa solamente rispettare in maniera precisa tutti i punti riportati in scaletta, ma vuol dire anche creare una bellezza visiva, in modo tale che l'investitor si allontani dal computer, dallo schermo o dall'aula, con il sorriso, con un pensiero ottimista e con le idee divertite, ma chiare: il successo è nelle vostre mani.

COME COMUNICARE UN'IDEA IMPRENDITORIALE IN MODO EFFICACE

Sebbene un'idea imprenditoriale si fonda soprattutto sulla creatività e sugli investimenti, oramai è abbastanza chiaro il concetto che anche l'aspetto comunicativo gioca un ruolo veramente importante. Proprio per tale motivazione, è indispensabile fornire dei concetti chiave in merito all'efficacia della comunicazione e per far ciò ci si serve di uno dei mezzi di comunicazione più in voga, il video.
Questo documento fornisce ulteriori spunti per focalizzare l'attenzione sull'efficacia di una buona presentazione, strumento vincente di un progetto imprenditoriale.

Si desidera porre l'attenzione su un altro aspetto della comunicazione, ovvero quello che riguarda la divulgazione della propria proposta imprenditoriale sul web. Molte volte capita di dover avere a che fare con modelli di recezioni differenti, che non sono quelli legati ad un foglio o ad un mega schermo: la comunicazione via internet ha regole, struttura e tempistica differente.
Mediante il video seguente, si forniscono molti spunti al lettore interessato al fine di condurlo verso la retta via per elaborare e pianificare al meglio la propria presentazione dell'idea imprenditoriale conservata nel cassetto.

Articolo letto 585 volte

Dott.ssa Sara Tomasello
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO