Come scrivere un contratto di prestito privato? Tutti i consigli

Prima di richiedere un prestito o di concederlo, è utile conoscere le modalità di sottoscrizione. Il contratto di prestito rappresenta a tutti gli effetti un documento vincolante, dunque è indispensabile conoscere come esso deve essere scritto, al fine di agire chiaramente e sin dall'inizio nel rapporto tra mutuante e beneficiario.

Un contratto di mutuo è un documento che viene redatto e firmato dalla banca o dall'istituto che si impegna nell'erogazione di un prestito, oltre che dal richiedente. In questo modo, il contraente, o mutuatario si impegna a corrispondere il mutuante dell'interno importo che quest'ultimo gli mette a disposizione.
All'interno di tale documento devono essere specificate sia le informazioni riguardanti il rimborso, sia anche le eventuali sanzioni alle quali si va incontro, nel caso di inadempienza del contratto.
Il contratto di mutuo costituisce un documento vincolante e può anche essere presentato in un tribunale, in quanto prova del mancato pagamento del beneficiario.
Tuttavia, un contratto di prestito può anche essere stipulato tra due privati: proprio per non rimanere impreparati, in questi casi, è utile conoscere dettagliatamente tutte le parti costitutive di un contratto di prestito, così da risultare in grado di redigerlo nel migliore dei modi.
Qui di seguito, si forniscono tutti gli spunti e le indicazioni per la redazione precisa e puntuale di un vero contratto di prestito.

PATTI CHIARI E AMICIZIA LUNGA: CHE COSA SUCCEDE SE NON SI STIPULA UN CONTRATTO DI PRESTITO?

Come già detto, il contratto di prestito rappresenta un documento valido, da condurre con sé in caso fosse necessario comprovare il mancato pagamento del beneficiario.
Molti prestiti tra privati, infatti, fondando il finanziamento esclusivamente sulla buona fede dell'amico o del parente, hanno avuto un seguito del tutto negativo: il mancato pagamento del beneficiario, non è stato potuto provare, a causa della mancanza di un documento valido, che provasse quanto accaduto.
Quando si parla di soldi, è necessario, anzi, è d'obbligo, mettere da parte qualsiasi forma di sentimentalismo o legame affettivo: non deve sembrare male fare sottoscrivere un contratto di prestito ad una persona cara, in quanto, con quel "pezzo di carta", firmato da ambo le parti, si sta mettendo al sicuro i propri risparmi che momentaneamente si stanno versando nelle casse di un terzo.
Nel caso in cui quest'ultimo non provvedesse al pagamento dell'importo totale, il contratto di prestito varrà come prova confutabile, per procedere per vie legali.

CHE COSA È NECESSARIO FARE PRIMA DI SCRIVERE UN CONTRATTO DI PRESTITO?

Molte volte, il prestito tra privati avviene tra persone molto vicine, solitamente parenti o amici stretti; in questo caso è molto più semplice chiarire i termini dell'accordo.
Questo passaggio indispensabile deve essere compiuto prima ancora della redazione completa di un contratto di prestito. Un bella chiacchierata, solitamente, è sufficiente per definire tutti i termini sui quali fondare l'accordo.
Quest'ultimi devono riguardare situazioni concrete, quali ad esempio le informazioni precise circa la somma da versare, le modalità di pagamento, oltre che l'importo rateale.

QUALI SONO LE PARTI O LE INFORMAZIONI CHE NON DOVREBBERO MAI MANCARE IN UN CONTRATTO DI PRESTITO?

Per scrivere un contratto di prestito, è indispensabile conoscere a fondo tutte le parti e le informazioni da indicare sempre all'interno del documento.
Alcuni delle indicazioni sembreranno scontate e superflue, in realtà, esse costituiscono la base fondamentale per rendere il contratto di prestito valido anche davanti alla legge: la precisione e l'attenzione in ogni dettaglio non dovrebbero mai essere abbastanza quando si tratta di redigere un contratto di finanziamento.  
Un contratto di prestito, non può essere considerato tale (o comunque vincolante) se non viene apposta la data precisa: essa deve corrispondere e coincidere al giorno effettivo in cui è avvenuto il finanziamento. Tale condizione è indispensabile nel caso in cui si dovesse fare ricorso in tribunale.
Per individuare il documento, è indispensabile scrivere un frase identificativa come titolo, nella parte superiore della pagina: solitamente le soluzioni più adottate sono Accordo di pagamento oppure Contratto di mutuo.
Il primo paragrafo del contratto di prestito deve contenere le informazioni riguardanti la quantità di denaro che il mutuante si impegna a prestare al beneficiario.
Solitamente, il contratto inizia con il nome del richiedente e la dichiarazione di quest'ultimo in merito all'importo ricevuto dal finanziatore (anche in questo caso è necessario indicare il nome della figura erogante).
In questo modo, si forniscono tutte le indicazioni circa i termini di contratto stabiliti precedentemente, ovvero, si scrivono tutte le informazioni riguardanti i seguenti ambiti:

  • le generalità del beneficiario;
  • le generalità del mutuante;
  • l'importo ricevuto;
  • la data in cui è avvenuto il prestito;
  • la data in cui è previsto il rimborso.

Nel caso in cui, il beneficiario decidesse di estinguere il pagamento in più soluzioni, allora, è necessario sostituire l'unica data con un elenco dettagliato e preciso di tutti gli appuntamenti di pagamento che devono essere rispettati.
Tuttavia, è anche il caso di redigere un nuovo paragrafo, in grado di fare luce anche su altri aspetti e termini del contratto di mutuo.
Primo fra tutti, è necessario indicare le modalità di pagamento che si desidera usare: contanti, vaglia, assegno, in base ai termini pattuiti precedentemente.
All'interno del contratto è anche necessario riportare gli eventuali accordi in caso di rimborso con ritardo.
In questo caso è necessario indicare il periodo di tempo entro il quale verranno applicate le spese e gli interessi di mora, o le penalità. Al fine di rendere più precisa tale clausola, è indispensabile elencare tutte le sanzioni ( economiche o non) alle quali si va incontro, in caso di pagamento posticipato.

ESEMPI DI CONTRATTO DI MUTUO SCRITTO DA UN PRIVATO

Al fine di rendere più chiara l'idea del contratto sopra descritto, si fornisce qui di seguito un esempio scritto e a un'immagine rappresentativa di due modi di scrivere un contratto di prestito, affinché entrambi possano servire da guida per una qualsiasi redazione di un documento di finanziamento.

CONTRATTO DI MUTUO

13 dicembre 2013

Data del prestito: 13 dicembre 2013

Data del rimborso: 16 maggio 2013

Totale somma dovuta: € 1.200

 

Termini del contratto

Io Mario Rossi, ho presto in prestito € 1.200 il 13 dicembre 2013 da Giovanni Bianchi.

Il denaro preso in prestito sarà rimborsato in un'unica soluzione.

Io Mario Rossi pagherò l'interno importo del prestito, pari a € 1.200, mediante un assegno bancario, intestato a Giovanni Bianchi, datato il 16 maggio 2013.

Se per qualsiasi motivo il rimborso verrà pagato in data posticipata, io Mario Rossi, sarò tenuto a versare un'ulteriore somma di denaro pari a € 10 per ogni giorno di ritardo, fino a coprire l'intero importo del prestito, includendo eventuali spese e interessi di mora.

Il mutuante e il mutuatario accettano i termini sopra esposti.


Firma mutuante  Firma mutuatario

ESEMPIO N.2

Esempio di contratto di prestito privato

Articolo letto 10.933 volte

Dott.ssa Sara Tomasello