Desideri accedere ad un finanziamento a fondo perduto nel 2015? Ecco qui tutte le informazioni in merito e gli esempi

Tutte le informazioni sui finanziamenti a fondo perduto del 2015. Quali sono? Quali sono i settori finanziabili? Quali sono i requisiti necessari per ottenere un finanziamento a fondo perduto nel 2015?

Nonostante la crisi economica, gli imprenditori italiani non devono demordere: per fare impresa si può ancora contare sugli investimenti a fondo perduto. Infatti, molti sono i settori e le possibilità che le imprese hanno per poter realizzare i propri progetti e il 2015 sembra essere un anno propizio.

CHE COSA SONO I FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO?

I finanziamenti a fondo perduto sono dei contributi erogati da un ente, per i quali non è prevista la necessità di restituzione. In questo modo, l'investitore può contare sul giusto supporto di liquidità monetaria, necessaria per l'avvio della propria attività imprenditoriale, o per la realizzazione di strutture o miglioramenti a quelle già esistenti.

QUALI SONO GLI OBIETTIVI DEI FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO DEL 2015? L'ESEMPIO DEL SETTORE DEL TURISMO E DELLA MOBILITÀ INTERNA GIOVANILE

Nel 2015, molte sono le proposte di finanziamento a fondo perduto, da poter sfruttare per realizzare gli investimenti desiderati. Tra i tanti, quelli che spiccano in maniera particolare sono senza dubbio quelli dedicati al settore del turismo e della mobilità interna dei giovani: tali bandi riescono a garantire una copertura della spese pari al 75%.

Si può facilmente intuire che l'obiettivo di tale bando è senza dubbio quello di rafforzare la competitività in tale ambito, ma soprattutto di migliorare e prolungare le stagioni turistiche, incrementando così la mobilità dei giovani, i quali, anziché dedicarsi a viaggi all'estero, finirebbero col preferire rimanere all'interno dei confini nazionali.

L'incremento della competitività nel turismo e il conseguente miglioramento delle strutture e delle stagioni, porteranno alla crescita delle imprese italiane del settore e di conseguenza, la creazione di nuovi posti di lavoro, frutto anche della cooperazione transnazionale.

In sostanza, parlando in generale, l'obiettivo di ogni finanziamento a fondo perduto è quello di alimentare il miglioramento dei settori imprenditoriali italiani, al fine di rimettere in moto l'economia. I contatti con l'estero, le cooperazioni internazionali sono la conseguenza di uno stato di benessere: investire nell'imprenditoria made in Italy non può che sollevarci da questa crisi vorace.

CHI PUÒ PARTECIPARE AI BANDI DI FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO DEL 2015?

Per trattare degli ammessi e degli esclusi ai finanziamenti a fondo perduto del 2015, si fa riferimento sempre al bando per il turismo e per la mobilità giovanile.

Le direttive al riguardo si esprimono chiaramente: possono partecipare al bando tutti i soggetti giuridici pubblici o privati. Tuttavia, è indispensabile rispettare e possedere determinati requisiti di accesso, ovvero i seguenti:

  • i progetti devono essere presentati da parte di consorzi costituiti da un minimo di quattro operatori e da un massimo di otto, provenienti da almeno quattro Paesi;
  • il consorzio deve comprendere un'autorità pubblica governativa, un partner che rappresenta un'organizzazione giovanile e un fornitore di servizi.

In realtà, ogni bando possiede una regolamentazione differente, dunque non è possibile fornire un'unica indicazione in merito a coloro i quali possono partecipare e coloro che non possono. Allo stesso modo non è possibile stabilire per tutti i requisiti di accesso.

Pertanto è consigliabile effettuare una ricerca sul finanziamento a fondo perduto desiderato e leggere attentamente il bando relativo; molte informazioni sono reperibili all'interno dei siti internet delle principali istituzioni che erogano i contributi a fondo perduto, come ad esempio la Commissione Europea, le Regioni, le Province, i Comuni, le Camere di Commercio.

QUALI SONO I FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO DEL 2015?

I finanziamenti a fondo perduto del 2015 sono indirizzati ai seguenti ambiti:

  • imprenditoria giovanile;
  • imprenditoria femminile;
  • finanziamenti europei;
  • Invitalia;
  • finanziamenti regionali o provinciali.

Molto successo hanno avuto in passato i finanziamenti europei a fondo perduto per l'imprenditoria giovanile, i quali hanno fatto sì che i giovani potessero avvicinarsi al mercato del lavoro, favorendo, così rifiorire l'occupazione. Allo stesso modo, Invitalia ha favorito l'autoimpiego, ovvero le azioni imprenditoriali dei giovani sul lavoro autonomo, sulla microimpresa, sul franchising.

Non sono da sottovalutare nemmeno i finanziamenti  regionali a fondo perduto dedicati all'imprenditoria femminile.  In questo caso, le partecipanti (o le aziende partecipanti) dovevano dimostrare di avere meno di cinquanta dipendenti, con un fatturato annuo non superiore a 5.000.000€ e uno stato patrimoniale di non più di 2.000.000€.

CONTINUANDO IL DISCORSO RIGUARDANTE IL SETTORE DEL TURISMO

I finanziamenti a fondo perduto riguardanti il settore del turismo e della mobilità giovanile sono di due differenti tipologie, ovvero le seguenti:

  • Strand A, riguardanti le idee di sviluppo turistico per anziani;
  • Strand B, riguardanti la realizzazione di due progetti volti al miglioramento dei limiti e delle esigenze presentate dai giovani per il superamento degli ostacoli nella mobilità transnazionale.

Le prime dovranno prevedere la conduzione di un test di validazione del prodotto, con il relativo studio dei risultati.

La Commissione Europea ha previsto per entrambi un budget di 1,800.000€.

FOCUS: COME FARE PER OTTENERE IL MASSIMO RISULTATO DAI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO?

Il video seguente riporta una conferenza focalizzata sui finanziamenti a fondo perduto. In maniera particolare, l'attenzione è rivolta sul delineare quali sono le mosse vincenti e gli atteggiamenti finalizzati ad ottenere il massimo da un finanziamento a fondo perduto.

FACCIAMO QUALCHE ESEMPIO

Al fine di fornire ai lettori interessati un'informazione precisa e dettagliata in merito a ciò che è possibile realizzare, sfruttando i finanziamenti a fondo perduto del 2015, si riportano qui di seguito una serie di video-testimonianze degli anni passati.

l video seguenti consentono di fornire vari esempi di come un finanziamento a fondo perduto possa essere un incentivo in più per la realizzazione di un progetto imprenditoriale. In particolare, i focus tratteranno dell'apertura di un asilo nido, di un bar e di una palestra.

VIDEO: COME APRIRE UN ASILO NIDO CON UN FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO?

VIDEO: COME APRIRE UNA CIOCCOLATERIA CON UN FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO?

VIDEO: COME APRIRE UNA PALESTRA CON UN FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO?

Articolo letto 1.534 volte

Dott.ssa Sara Tomasello
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Per consentire l'erogazione ed il monitoraggio delle campagne pubblicitarie erogate tramite text-link vengono utilizzati alcuni sistemi di tracciamento che consentono di rilevare i click effettuati sui text-link stessi e, eventualmente, la lead effettuata tramite compilazione della form presente nella pagina di destinazione. In relazione a queste operazioni scaturisce una contitolarità tra la società ClickADV s.r.l. con sede in Via dell'Unione Europea n. 6/A-6/B, 20097 San Donato Milanese (MI) - email: privacy@payclick.it e la società cliente società cliente Signor Prestito S.P.A. con sede in Viale Delle Nazioni, n. 9 - 37135 Verona (VR) - email: privacy@signorprestito.it. Puoi ottenere maggiori informazioni prendendo visione della specifica informativa privacy

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO