Prestiti fra privati sempre più diffusi

Nato nel 2005 in Inghilterra, il prestito fra privati sul web ha preso piede dal 2010 dopo l'autorizzazione della Banca d'Italia. Smartika e Prestiamoci le due piattaforme italiane più importanti.

Nato nel 2005, in Gran Bretagna come Peer-to-Peer lending, il social lending, ora noto anche come P2P (Peer-to-Peer)  con la crisi finanziaria del 2008, è diventato un modello finanziario alternativo che ora conta  oltre 40 piattaforme di social lending attive nel mondo. Dopo il 2010, quando Bankitalia ha regolamentato il settore, il mercato del prestito tra privati ha iniziato a diffondersi sempre più anche grazie alla velocità di erogazione dei prestiti, in teoria entro le ventiquattrore dalla richiesta. 

Tassi d'interesse più bassi

 Con il social lending o prestito sociale, il debitore ottiene la somma di cui necessita a un tasso mediamente più basso di quello del tradizionale mercato creditizio in quanto il prestatore e il richiedente (il contraente il prestito, cioè il debitore) vengono messi in relazione diretta ed i prestatori, operando sul web con servizi altamente automatizzati, hanno costi operativi molto bassi ed i tassi correnti sono determinati solo e soltanto dall'incontro diretto tra domanda e offerta.

La Toscana al primo posto nel prestito fra privati

Secondo gli ultimi dati elaborati da  Smartika, all'interno del suo mercato, il 19% delle richieste di prestiti servono per acquistare mobili o ristrutturare la casa, mentre nel 17% dei casi per l'acquisto di auto, moto o camper usati, ed un altro 14% ha chiesto denaro per pagare altri debiti pregressi.  

Il prestito fra privati primeggia in Toscana, con un milione e mezzo di euro di somme prese in prestito, secondo l'ultima analisi di Smartika, principale operatore del social lending in Italia, per il quale nel nostro Paese i prestiti tra privati rappresentano sempre più un'alternativa interessante per chi vuole richiedere denaro a tassi di mercato più convenienti.

Supera i  477mila euro la cifra media richiesta su Smartika dai richiedenti prestiti (borrower), che  risiedono soprattutto in provincia di Firenze. Il trend è sviluppato anche a Pisa dove le richieste di denaro superano i 180 mila euro, per scendere a più di 153 mila euro in provincia di Pistoia,  mentre a Lucca le richieste di denaro sfiorano i 140 mila euro. Si domandano prestiti per quasi 133 mila euro a Livorno, quasi 104 mila euro ad Arezzo e quasi 100 mila a Prato.    In provincia di Lucca sono stati richiesti prestiti soprattutto per il consolidamento dei debiti (20%)e le tasse (11%) ma anche per la ristrutturazione della casa (9%), l'acquisto di elettrodomestici, l'estinzione di prestiti con i parenti, riparazioni varie, tasse scolastiche e universitarie (6% ciascuno).


 (In aumento il trend del prestito fra privati online)

Come funziona

Per ridurre il rischio per gli investitori,  gli investimenti vengono suddivisi su  Smartika in 50 parti, mentre su Prestiamoci in quote da 50€. Così ciascun Prestatore finanzia solo in parte la cifra avanzata da vari Richiedenti.

Solitamente il Prestatore può scegliere la durata e il tasso di remunerazione desiderati per il proprio investimento, poi la piattaforma  mette a contatto Prestatori e Richiedenti in modo automatico. Mensilmente, il Prestatore riceve il rimborso delle singole quote investite nei vari finanziamenti e dei relativi interessi.

Il Richiedente inoltra la sua richiesta di prestito, specificando importo e durata prescelti. Il Richiedente viene valutato dalla piattaforma e gli viene assegnata  una classe di rischio, in base alle garanzie offerte e alla sua storia creditizia passata. Più alto è il rischio, più alto è il tasso di interesse da pagare e di conseguenza, il guadagno del Prestatore.

In base alle offerte dei vari Prestatori la piattaforma compone una soluzione di prestito personalizzata e la sottopone al Richiedente, che è libero di accettarla o rifiutarla. In caso di esito positivo, la somma richiesta sarà accreditata direttamente sul conto corrente del Richiedente, ed anche il rimborso del debito avviene tramite addebito automatico sul suo cc.
 

Articolo letto 97 volte

Dott.ssa Laura Candeloro
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Clicca su "RICHIEDI PREVENTIVO" e segui le istruzioni. Richiede solo pochi minuti del tuo tempo, riceverei un preventivo gratuito con l'offerta migliore confrontata tra le maggiori banche e finanziarie

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO