Prestiti personali flessibili: come modificare o saltare le rate del rimborso?

Quali sono le modalità di salto o diminuzione rata in un prestito flessibile? Quali sono le caratteristiche principali di ogni opzione? Quali sono i vantaggi del prestito flessibile? A chi vengono dedicati le opzioni per modificare il piano di ammortamento di un prestito? .

Quando si sceglie un prestito personale, l'idea di dover seguire e rispettare un piano di ammortamento fisso e costante nel tempo, può in alcuni casi, rappresentare un vero problema, soprattutto nel caso in cui l'importo della rata mensile è molto elevato e se il finanziamento ha una scadenza molto lontana nel tempo.

In questi casi, optare per un'opzione più flessibile, consente di personalizzare il prestito personale e adattarlo alle proprie esigenze e alla mutate condizioni nel tempo.

Infatti, il rimborso flessibile consente di apportare dei cambiamenti nel piano di ammortamento, cambiando l'importo della rata, quindi adeguando il rimborso alla situazione del momento.

CHE COSA SI INTENDE PER PRESTITO FLESSIBILE? QUALI SONO I VANTAGGI E GLI SVANTAGGI DI UN PIANO DI AMMORTAMENTO FLESSIBILE?

Un prestito flessibile è un particolare tipo di finanziamento che consente una modalità di rimborso diversa da quella tradizionale; con il termine flessibile, infatti, si fa riferimento ad un piano di rimborso che consente ad debitore di gestire comodamente le proprie rate mensili, in base alle proprie necessità.

Mediante il prestito flessibile il mutuato può decidere di applicare le seguenti opzioni:

  • modificare l'importo della rata;
  • saltare la rata;
  • estinguere anticipatamente il prestito.

In tutt'e tre i casi, è possibile elaborare un piano di ammortamento personalizzato, in grado di garantire la massima tranquillità nel rimborso.

Dunque, il più grande vantaggio di questa tipologia di prestito è senza dubbio la flessibilità; qualsiasi siano le motivazioni che portano alla considerazione di modificare o saltare una rata, il prestito flessibile è un importante opzione-aiuto che consente di alleggerire il carico economico mensile del rimborso, soprattutto se, ad esempio, le entrate del bilancio familiare non sono costanti, oppure si vogliono affrontare anche altre spese impegnative.

Va da sé che il prestito personale flessibile rappresenta anche un ottimo alleato di tutti coloro i quali non possono avere un reddito stabile, come nel caso di un giovane professionista, ad esempio: nel frattempo che l'azienda si solidifica e che la cerchia di clienti si allarga, mediante tale piano di ammortamento flessibile, il neo imprenditore potrà pagare le prime rate considerando esclusivamente gli interessi e destinare alla fine del periodo di rimborso la restante parte del capitale, ovvero quando l'impresa sarà già avviata.

Al fine di dare una panoramica su questa preziosa tipologia di prestito personale, è opportuno far riferimento anche ai difetti che pur sono presenti in questo sistema.

Riprendendo l'esempio del giovane professionista, non si può prescindere dal considerare il carattere di scommessa che viene legato all'operazione: in pratica, l'imprenditore punta sulla propria capacità di crescere e di migliorare il proprio reddito, sperando così di poter affrontare la spesa mensile di rate più importanti economicamente, destinandole alla fine.

Un altro punto da valutare nel piano flessibile è la necessità di un forte autocontrollo, in quanto il rimborso del capitale potrebbe prevedere un tempo molto più elevato e quindi si rischierebbe di trovarsi impreparati al momento del restituzione finale.

Inoltre, va sottolineato un aspetto molto importante per quel che riguarda i tassi di interesse. Quest'ultimi, infatti, se confrontati con i prestiti tradizionali sono nettamente superiori, o quantomeno non proprio economici.

MODIFICARE, SALTARE UNA RATA E ALLUNGARE LA DURATA DI UN PRESTITO: I PRO, I CONTRO E LE PRATICHE NEL DETTAGLIO

Possibilità di spostare una rata alla fine del prestito

La possibilità di spostare una rata alla fine del periodo di ammortamento è conosciuta comunemente con il termine ufficiale di opzione salto rata: essa permette al mutuato di decidere di non pagare una rata alla sua naturale scadenza, ma di saltarla e spostarla dopo l'ultima rata.

La conseguenza di tale operazione determinerà sì l'aumento di un mese della durata complessiva del finanziamento, oltre talaltro al maggiorare il costo complessivo del prestito (in relazione agli interessi), però, dall'altra parte essa consentirà di evitare di correre il rischio di essere segnalati come cattivi pagatori, in quanto la rata verrà posticipata, dunque non graverà su un momento caratterizzato da particolare problematiche economiche oda sovraffollamento di pagamenti.

Possibilità di aumentare o diminuire l'importo delle rate

Questa opzione viene attivata quando il debitore decide di aumentare o diminuire l'importo della rata mensile a suo piacimento, ma sempre rispettando determinati limiti, ovvero in base alle norme contrattualistiche imposte da ciascuna banca.

Possibilità di variare la durata

Con questa opzione il debitore ha la possibilità di aumentare o diminuire la durata del prestito, dunque del rimborso, pur rispettando certi limiti. Va da sé che nel caso di diminuzione della durata, la rata mensile aumenta, ma nel costo finale calcolato per interessi è possibile rimediare un risparmio, mentre nel caso di aumento della durata, la rata mensile viene abbassata ma gli interessi influiranno sul costo finale.

Ricaricare il prestito

Questa opzione non è contemplata da tutte le soluzioni di finanziamento ed essa permette di avere nuova liquidità all'interno dello stesso finanziamento. In questo caso, il cliente non dovrà presentare nuovi documenti per accedere ad un altro prestito.

Rimborso senza penali

Nel caso in cui ci si ritrovi con eccesso di liquidità e si desidera rimborsare per intero un prestito, in modo tale da eliminarlo dalla lista dei pagamenti mensili.

In base al momento esatto in cui ci si trova con la durate del prestito, potrebbe essere più o meno conveniente effettuare l'estinzione anticipata a causa delle penali previste in alcuni casi per il rimborso anticipato.

FACCIAMO UN RIASSUNTO SULL'UTILITÀ DELLE PRINCIPALI OPZIONI DI PRESTITO FLESSIBILE

La tabella seguente consente di fare il punto della situazione su tutte le opzioni di prestito flessibile, in maniera particolare sulla loro utilità per particolari figure.

OPZIONE 
PER CHI È UTILE 
PER CHI NON È UTILE

 SALTO RATA

Per tutti, dal lavoratore autonomo fino al lavoratore dipendente (in maniera particolare per chi lavora in aziende private). 

Meno adatto per il pensionato, perché egli ha la certezza di un'entrata fissa mensile e, dunque, non ha necessità di spostare una rata a fine prestito (tranne se deve affrontare delle spese impreviste che potrebbero impegnare anche la parte di reddito destinata al rimborso della rata).

AUMENTO E DIMINUZIONE DELLA RATA

Per il lavoratore autonomo, che può avere una volatilità nelle entrate mensili dovute al carico di lavoro e alle commesse da parte dei clienti.

Meno adatto per il dipendente e per il pensionato, che hanno delle entrate mensili fisse.

VARIARE LA DURATA DEL RIMBORSO

Chi ha la necessità di pagare una rata posticipatamente.

Per coloro che nel lungo periodo non prevedono di rientrare con le spese.

RICARICARE IL PRESTITO

Quando si ha necessità di ulteriore liquidità, non solamente per il pagamento della rata.

 

RIMBORSO SENZA PENALI

Per chi si trova ad avere disponibilità di liquidità.

Se non si ha liquidità immediata.

QUANDO CONVIENE STIPULARE UN PRESTITO FLESSIBILE?

Una volta delineati quelli che sono i pregi e i difetti del prestito flessibile, è opportuno fare una panoramica e comprendere quando essi sono realmente convenienti e quando invece rappresentano solamente una possibile fonte di spreco; tutto ciò viene realizzato non perdendo d'occhio i tassi di interesse, vero cruccio di ogni finanziamento. Il video seguente chiarirà ogni aspetto legato alla convenienza di tali piani di rimborso flessibile.

COME SI REALIZZA IL RIMBORSO FLESSIBILE? CIOÈ QUALI SONO LE ALTERNATIVE DA POTER SCEGLIERE PER MODIFICARE IL PIANO DI AMMORTAMENTO?

Le ripercussioni sulle entrate possono rappresentare un serio problema per il pagamento delle rate di un finanziamento, dunque, il piano di ammortamento flessibile, risulta essere molte volte l'alternativa migliore per far fronte a problemi economici di varia natura.

Solitamente, le banche offrono due possibilità per poter intervenire sul rimborso e modificare l'importo mensile previsto dal piano di ammortamento, ovvero le seguenti:

  • la riduzione temporanea dell'importo della rata da versare mensilmente;
  • il posticipo di una o più scadenze, rimandate alla fine del piano di ammortamento.

In entrambi i casi, la flessibilità consente di prolungare la durata del finanziamento e al contempo consentono di aiutare il debitore a superare un momento di difficoltà economica, dovuta, ad esempio, a spese improvvise o a problemi legati alla perdita del lavoro.

Articolo letto 396 volte

Dott.ssa Sara Tomasello
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Clicca su "RICHIEDI PREVENTIVO" e segui le istruzioni. Richiede solo pochi minuti del tuo tempo, riceverei un preventivo gratuito con l'offerta migliore confrontata tra le maggiori banche e finanziarie

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO