Il prestito scolastico: la soluzione per chi non può accedere ai contributi scolastici

Il prestito scolastico è la soluzione di finanziamento ideale per coloro che non hanno accesso ai contributi scolastici per eccesso della soglia reddituale o per mancanza di disponibilità di fondi: vediamo insieme le caratteristiche di questa tipologia di microfinanziamento.

Il prestito scolastico è una forma di prestito personale finalizzato all'acquisto del materiale scolastico, didattico e dei libri. In base agli ultimi dati stesi dalla Federconsumatori, una famiglia spende per ogni figlio in età scolare ogni anno circa 450 euro, arrivando alle 750 per l'acquisto di dizionari e libri per il liceo, fino ad un importo massimo di 900 euro negli Istituti in cui si richiede una struttura o dotazione particolare per la ricerca e lo studio tecnico o scientifico. E' naturale che per sostenere un importo di spesa così elevato sia sufficiente un aiuto economico, sopratutto per le famiglie che già si trovano in difficoltà o che non hanno un reddito elevato: se ci pensate bene quelle cifre corrispondono a una retribuzione mensile.

In questa situazione generale di spese scolastiche importanti, non tutte le famiglie possono permettersi questi importi, sopratutto se nel nucleo famigliare vi sono più componenti in età scolare: il prestito scolastico è la soluzione per risolvere questa tipologia di esigenze oltre alla possibilità di richiedere i contributi pubblici scolastici. In base alla Legge 448/1998 è infatti possibile accedere, in proporzione al proprio reddito e in misura stabilita da soglie reddituali, ai contributi e agevolazioni finanziarie erogati dagli Istituti bancari proprio per soddisfare questa tipologia di esigenze.

La Legge 448/1998 in materia di contributi pubblici per acquisto libri: INFORMAZIONI

In base alla legge 448/1998 ogni anno le Regioni erogano ai Comuni dei fondi da destinare alle famiglie con figli in età scolare per la copertura totale o parziale delle spese per acquisto libri di testo o materiale scolastico: la modalità e i requisiti di accesso sono stabiliti dai singoli bandi regionali nei quali sono riportati anche gli importi massimi erogabili in base a requisiti specifici di reddito e alle disponibilità dei fondi.

Alcune Regioni prevedono l'erogazione di fondi per l'acquisto dei libri scolastici, altre di voucher, che costituiscono un ulteriore modalità di contributo economico da spendere in negozi convenzionati. Si può ricordare, a titolo di esempio, il caso della Regione Lombardia che con il progetto "Dote Scuola" ha permesso alle famiglie con reddito ISEE non superiore a 15.480 euro di sostenere le maggiori spese scolastiche erogando gli importi attraverso voucher da spendere in negozi convenzionati dalla Regione stessa.

Il prestito scolastico: LA SOLUZIONE PER CHI NON HA DIRITTO AI CONTRIBUTI SCOLASTICI

Il prestito scolastico è la soluzione di finanziamento per chi non la possibilità di accedere ai contributi scolastici per motivi reddituali o per qualsiasi altra motivazione dovuta alla disponibilità di fondi. Bisogna infatti segnalare il fatto che i fondi per i contributi scolastici non sono sufficienti per tutti e vi è un numero di studenti prestabilito che potrà accedere fino a esaurimento della somma complessiva disponibile nel bando.

Il prestito scolastico appartiene alla categoria del piccolo finanziamento che permette di ottenere anche una piccola somma di denaro che possa risolvere in maniera temporanea la problematica di acquisto del materiale didattico e di libri. Proprio per questo motivo, il prestito scolastico, ad eccezione di alcune soluzioni, non prevede un tasso di interesse elevato, solitamente un tasso di interesse zero, in quanto piccole somme di denaro erogate per la finalità esclusiva dell'istruzione: con quel contributo in capitale è possibile acquistare solo materiale didattico e scolastico.

PRESTITO SCOLASTICO CARATTERISTICHE FINALITA'
  • MICRO-FINANZIAMENTO;
  • PICCOLE SOMME DALLE 250 EURO.
  • PRESTITO PERSONALE FINALIZZATO;
  • TASSO ZERO.
  • DIRITTO ALL'ISTRUZIONE;
  • ACQUISTO MATERIALE SCOLASTICO.

Il prestito scolastico: DOCUMENTAZIONE

Richiedere questa tipologia di prestito personale è molto semplice. E' possibile rivolgersi a un qualsiasi sportello bancario convenzionato all'erogazione del prestito scolastico e presentare la documentazione necessaria ad attestare la propria condizione economica e l'iscrizione del proprio figlio/i presso un istituto scolastico. La documentazione da esibire presso la filiale scelta per la richiesta del piccolo prestito scolastico consiste in:

  • ISEE;
  • documento d'identità in corso di validità;
  • documento che attesti l'età scolare dei propri figli anche se l'informazione è contenuta anche nell'ISEE.

Il prestito scolastico:  A CHI RIVOLGERSI

Sul mercato finanziario vi sono numerose proposte che possono soddisfare le esigenze di ogni tipologia di famiglia che intende acquistare materiale didattico o libri per la scuola dei propri figli. Una delle proposte più di successo è il prestito "Banco Posta Studi" di Poste Italiane con il quale è possibile ottenere una somma liquida in base alle esigenze scolastiche e all'età scolare del proprio figlio. Il prestito Banco Posta Studi prevede differenti scaglioni di importi e situazioni scolastiche con un tasso di interesse agevolato del 6,90%, e ad un piano di ammortamento dai 12 ai 24 mesi:

  • figlio iscritto alla scuola elementare fino a 1.000 euro;
  • figlio iscritto alla scuola medie inferiori o superiore fino a 2.000 euro;
  • figlio iscritto all'università dai 3.000 ai 5.000 euro.

Per contro, la Banca Popolare di Milano propone il piccolo prestito a tasso zero, il "BPM prestito libri" con il quale è possibile ottenere un capitale dalle 250 euro in base alle proprie esigenze, con un piano di ammortamento fino agli 8 mesi. Il prestito per sostenere le spese scolastiche fa parte del micro-finanziamento ed è stato ideato dal Gruppo BiPiemme per permettere a ogni tipologia di famiglia di accedere al credito anche di piccole somme, rendendo l'istruzione davvero un diritto di tutti.

NOTA BENE: è facile comprendere come questa tipologia di finanziamento sia strettamente legata ai principi su cui si fonda l'istituzione della Banca Popolare la quale giornalmente si propone di aiutare e sostenere economicamente le categorie in difficoltà. Per chi volesse avere maggiori informazioni, consulti anche il dettagliato articolo a riguardo sul Prestito scolastico della BPM.

Il prestito scolastico: TABELLA ISTITUTI BANCARI

Qui di seguito si propone una tabella di ricapitolazione degli Istituti bancari che offrono il prodotto finanziario del prestito scolastico indicandone le caratteristiche, il capitale massimo erogabile e il piano di ammortamento concesso:

ISTITUTI BANCARI CON PRESTITI SCOLASTICI CAPITALE EROGABILE PIANO DI AMMORTAMENTO

POSTE ITALIANE

- BANCOPOSTA STUDI -

  • 1.000 EURO PER LA SCUOLA ELEMENTARE;
  • 2.000 EURO PER LA SCUOLA MEDIA INFERIORE O SUPERIORE;
  • DAI 3.000 AI 5.000 PER L'UNIVERSITA'.
  • DAI 12 AI 24 MESI;
  • TASSO DEL 6,90%
BANCA POPOLARE DI MILANO - BPM PRESTITO LIBRI -  DALLE 250 EURO
  • FINO A 8 MESI;
  • TASSO ZERO.
BANCA POPOLARE DI LODI - PRESTITO LIBRI - DALLE 500 ALLE 1.000 EURO
  • FINO A 18 MESI;
  • TASSO ZERO.
CREDITO BERGAMASCO - PRESTITO LIBRI - DALLE 500 ALLE 1.000 EURO
  • FINO A 18 MESI;
  • TASSO ZERO.
BANCA POPOLARE DI VERONA - PRESTITO LIBRI - DALLE 500 ALLE 1.000 EURO
  • FINO A 18 MESI;
  • TASSO ZERO.

Articolo letto 1.543 volte

Maria Francesca Massa
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Clicca su "RICHIEDI PREVENTIVO" e segui le istruzioni. Richiede solo pochi minuti del tuo tempo, riceverei un preventivo gratuito con l'offerta migliore confrontata tra le maggiori banche e finanziarie

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO