Il prestito pluriennale garantito INPS e INPDAP: cos'è?

Il prestito pluriennale garantito INPS e INPDAP si inserisce nella categoria dei prestiti personali per dipendenti pubblici in servizio o prossimi alla pensione sfruttando la forma della cessione del quinto ma con qualche innovazione e limitazione. Vediamo insieme i dettagli.

Il prestito pluriennale garantito INPS e INPDAP è una particolare tipologia di prestito personale che si avvale della cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Il finanziamento è erogato da Istituti di credito o società finanziarie per conto dell'INPS o dall'INPDAP contro i rischi descritti nello schema sottostante:

  • decesso prematuro dell'iscritto alla Gestione Dipendenti Pubblici con cessione del quinto in corso;
  • cessazione di attività lavorativa senza diritto a pensione;
  • riduzione della retribuzione del soggetto beneficiario del finanziamento.

Il prestito pluriennale garantito prevede una rata mensile che non può superare 1/5 dello stipendio al netto, detratta automaticamente dalla retribuzione con scadenza mensile. Il meccanismo permette agli Istituti erogatori del prestito di avere la maggiore garanzia della restituzione del capitale in quanto versato direttamente dal datore di lavoro.

CHI può richiedere il prestito pluriennale garantito INPS e INPDAP: REQUISITI

Il prestito pluriennale garantito INPS e INPDAP può essere richiesto da qualsiasi dipendente pubblico o dipendente iscritto alla Gestione unitaria per le prestazioni creditizie e sociali, per i quali sono previsti degli specifici requisiti:

  • essere in servizio al momento della richiesta del finanziamento;
  • almeno 4 anni di servizio al momento della richiesta del finanziamento;
  • almeno 2 anni di servizio utili a pensione se appartenenti alla categoria di invalidi/mutilati di guerra o decorati al valor militare.

Fermo restando che i requisiti e il contratto sono calcolati in base al periodo di servizio del dipendente pubblico, se al richiedente del finanziamento resta un periodo di servizio più breve per il collocamento a riposo, non può contrarre un finanziamento con contratto di durata superiore al periodo che intercorre tra concessione e collocamento a riposo. Per comprendere meglio, osserva anche la tabella riassuntiva sui requisiti necessari all'ottenimento del prestito garantito INPS e INPDAP:

PRESTITO PLURIENNALE GARANTITO INPS e INPDAP REQUISITI
DIPENDENTE PUBBLICO
  • ISCRIZIONE GESTIONE UNITARIA PER PRESTAZIONI CREDITIZIE E SOCIALI;
  • ESSERE IN SERVIZIO DA ALMENO 4 ANNI.
DIPENDENTE PROSSIMO ALLA PENSIONE
  • ISCRIZIONE GESTIONE UNITARIA PER PRESTAZIONI CREDITIZIE E SOCIALI;
  • ALMENO 2 ANNI DI SERVIZIO UTILI SE APPARTENENTI A INVALIDI, MUTILATI DI GUERRA O DECORATI AL VALOR MILITARE.

Il prestito pluriennale garantito INPS e INPDAP: documentazione

Il dipendente pubblico che desidera richiedere il prestito pluriennale garantito deve presentare all'Amministrazione di appartenenza:

  • modulo di domanda in quattro esemplari;
  • certificazione dell'attività lavorativa (busta paga);
  • un certificato medico di sana costituzione fisica di non oltre 45 giorni dal suo rilascio da un medico della A.S.L., da un ufficiale medico in servizio o da un medico incaricato dall'Amministrazione di appartenenza.

Il prestito pluriennale diretto INPS e INPDAP: durata del contratto

Il prestito pluriennale garantito INPS e INPDAP presenta una durata del contratto con due scadenze, importo rimborsabile con rate mensili, detratte automaticamente dallo stipendio in base al seguente schema:

PRESTITO PLURIENNALE GARANTITO INPS E INPDAP DURATA CONTRATTO NUMERO RATE
DUE SCADENZE CONTRATTUALI 5 ANNI 60
10 ANNI 120

Spese e costi del prestito garantito INPS e INPDAP: tabella

Il prestito pluriennale garantito INPS e INPDAP prevede costi e spese di gestione che vanno dal tasso di interesse alle spese amministrative riportate nella tabella di seguito:

PRESTITO PLURIENNALE GARANTITO INPS E INPDAP
IMPORTI COSTI E SPESE
TASSO DI INTERESSE
% VARIABILE IN BASE ALL'ISTITUTO EROGATORE
SPESE AMMINISTRAZIONE 0,50 % DEL CAPITALE EROGATO
PREMIO RISCHIO CON ETA' PENSIONABILE FINO AI 65 ANNI
  • 1,50% PER CONTRATTO DI 5 ANNI;
  • 3% PER CONTRATTO DI 10 ANNI.
PREMIO RISCHIO CON ETA' PENSIONABILE SUPERIORE AI 65 ANNI
  • 2% PER CONTRATTO DI 5 ANNI;
  • 4% PER CONTRATTO DI 10 ANNI.

Rinnovare la cessione dopo l'estinzione anticipata

Se il contratto estinto era di 5 anni NON è POSSIBILE rinnovare la cessione in corso prima di 2 anni; prima di 4 anni se il contratto estinto era di 10 anni.

Estinzione anticipata del prestito pluriennale garantito INPS e INPDAP

Il soggetto beneficiario del prestito pluriennale garantito INPS e INPDAP può estinguere anticipatamente il capitale dovuto versando in un'unica soluzione il del debito residuo. Al soggetto richiedente spetta la restituzione della quota versata per il fondo rischi. In caso di estinzione anticipata del finanziamento non è possibile:

  •  richiedere una nuova cessione del quinto prima di un anno;
  • rinnovare una cessione del quinto in corso prima di due anni.
ESTINZIONE PRESTITO PLURIENNALE GARANTITO INPS LIMITI DOVUTI ALL'ESTINZIONE ANTICIPATA
RICHIESTA DI NUOVA CESSIONE DEL QUINTO
SOLO DOPO UN ANNO
RINNOVARE LA CESSIONE DEL QUINTO IN CORSO
  • DOPO 2 ANNI SE IL CONTRATTO ERA DI 5 ANNI;
  • DOPO 4 ANNI SE IL CONTRATTO ERA DI 10 ANNI.

Articolo letto 2.824 volte

Maria Francesca Massa
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Clicca su "RICHIEDI PREVENTIVO" e segui le istruzioni. Richiede solo pochi minuti del tuo tempo, riceverei un preventivo gratuito con l'offerta migliore confrontata tra le maggiori banche e finanziarie

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO