I prestiti Inpdap con consolidamento debiti: i vantaggi di sceglierli per riunire tutti i finanziamenti in una sola rata

I prestiti Inpdap con consolidamento debiti permettono di ridurre l'importo di una rata mensile non più sostenibile e riunire tutti i finanziamenti in una sola rata. Ma qual è la convenienza di scegliere l'Inpdap quale ente finanziario per sottoscrivere un nuovo prestito?

Se la propria situazione finanziaria è in difficoltà a causa di due o più rate diventate insostenibili e si è un dipendente pubblico o statale, una tra le soluzioni presenti sul mercato per risolvere questa tipologia di "dissesto finanziario" è scegliere il prestito personale Inpdap con consolidamento debiti, il quale permette di ridurre l'importo della rata mensile e riunire tutti i finanziamenti in una sola rata. Ma che cosa c'è di differente tra lo scegliere un prestito con consolidamento di un Istituto bancario qualsiasi e scegliere il prestito personale Inpdap con consolidamento debiti? Vediamo insieme i dettagli.

PRIMA DI INIZIARE: uno sguardo al CONSOLIDAMENTO DEBITI

Il consolidamento debiti permette di riunire in un unico finanziamento tutti i prestiti in corso, ricalcolando l'importo della rata e riorganizzando la propria situazione finanziaria. Con questa tipologia di prestito personale si saldano tutti i contratti in corso e si sottoscrive un altro finanziamento con rata unica di importo inferiore e un più lungo piano di ammortamento.  In questo caso, si stipula un prestito personale Inpdap con consolidamento, che proprio perché pensato per i dipendenti pubblici e statali, iscritto alla gestione autonoma delle prestazioni creditizie e sociali, presenta un tasso di interesse agevolato che non supera il 4,25%.

Il prestito personale Inpdap con consolidamento debiti: LA CONVENZIONE

I prestiti Inpdap con consolidamento debiti, come detto precedentemente, presentano il maggiore vantaggio nel tasso di interesse agevolato, che non supera mai il 4,25%, di gran lunga inferiore rispetto alle altre soluzioni di prestito personale il cui tasso può arrivare anche al 10% (stima web del novembre 2013). Con questa tipologia di prestito personale è possibile ottenere un finanziamento convenzionato con l'Inpdap, che eroga direttamente il capitale con il quale saldare il credito residuo di tutti i finanziamenti in corso o, nel caso non avesse disponibilità di fondi, si avvale di altri Istituiti bancari che erogano il capitale necessario con le condizioni agevolate descritte dall'Inpdap.

L'Inpdap, l'Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti della pubblica amministrazione, che fa capo all'INPS, costituisce un ente pubblico non economico istituito a seguito della Legge 537/1993, con D.Lgs n. 479/1994. L'ente INPDAP offre differenti soluzioni di prestiti, erogando il capitale direttamente o attraverso altri enti finanziari sulla base di Convenzioni o accordi, disponendo di un Fondo Credito creato dalla contribuzione obbligatoria dei suoi stessi iscritti e dalla contribuzione volontaria di soggetti pensionati presso lo stesso ente, lavoratori iscritti ai fini previdenziali o altre tipologie di enti finanziari che aderiscono al Fondo di credito in base al D.M. n. 45/2007. Per chi volesse avere maggiori informazioni, si consiglia di consultare anche la sezione del sito INPDAP dedicata all'iscrizione al Fondo Credito.

Il prestito personale Inpdap con consolidamento debiti: RIDURRE I COSTI

Se si scegliere il prestito personale Inpdap con consolidamento debiti significa che si sta stipulando un finanziamento convenzionato INPDAP che permette di avere il capitale necessario per saldare tutte le finanziarie in una sola soluzione e sottoscrivere un nuovo finanziamento con ente finanziario Inpdap. Con questa soluzione di risoluzione della propria situazione finanziaria è possibile ridurre i costi della stipula del nuovo finanziamento, avere un'applicazione del tasso di interesse più basso e personalizzare il piano di ammortamento, non solo nella sua durata ma anche nella modalità di rimborso.

Proprio perché il prestito personale Inpdap con consolidamento debiti è erogato direttamente dall'ente di previdenza nazionale, il finanziamento presenta delle modalità molto vantaggiose nella restituzione, avvalendosi della cessione del quinto e del prestito delega di pagamento in base alla quota massima cedibile del prestito, rispettivamente fino a 1/5  e fino a 2/5 dello stipendio. Con questa modalità di rimborso è possibile risparmiare su bollettini e bonifici che non sono necessari per corrispondere le rate, che sono detratte automaticamente dalla retribuzione mensile.

Il prestito Inpdap con consolidamento debiti: QUANTO POSSO RICHIEDERE?

L'importo ottenibile con il prestito Inpdap con consolidamento debiti si aggira intorno alle 50-60.000 euro, per venire incontro a tutte le esigenze di saldo di finanziarie in corso. Inoltre, questa soluzione finanziamento prevede anche la richiesta di una somma di liquidità aggiuntiva che non comprende la somma residua da corrispondere per saldare tutti i prestiti personali in corso, ma per sostenere delle altre spese che durante il corso del piano di ammortamento si sono aggiunte, come per esempio l'iscrizione all'Università di un figlio, il pagamento di un canone di locazione, etc.

L'importo massimo erogabile con il prestito Inpdap con consolidamento debiti può essere richiesto nella sua somma massima per essere dunque utilizzato in parte per corrispondere la somma residua di tutte le rate mensili che ancora mancano da pieno di ammortamento e la restante parte può essere utilizzata per coprire le spese impreviste o anche l'acquisto di beni e servizi di cui si necessita, senza inoltrare la richiesta di un nuovo finanziamento. La somma finanziata con il prestito Inpdap verrà dilazionata in un'unica rata mensile con importo inferiore rispetto alla precedente e con un piano di rimborso superiore all'ultimo dei finanziamenti.

Il prestito Inpdap con consolidamento debiti: ESEMPIO

Per comprendere meglio e riassumere il meccanismo di prestito personale Inpdap con consolidamenti debiti e valutare la convenienza di scegliere l'ente previdenziale nazionale piuttosto che altri Istituti bancari, si consideri anche l'esempio della tabella sottostante in cui un dipendente pubblico o statale - categoria al quale è dedicata la tipologia di prestito - presenta quattro finanziamenti in corso, ovvero quattro rate mensili, per un totale di 650 euro.

L'importo residuo da corrispondere è di 15.000 euro, calcolato su tutte le rate ancora da corrispondere per tutta la durata del piano di ammortamento. La somma di 15.000 euro è necessaria per saldare completamente il debito - se non si desidera richiedere una somma di liquidità aggiuntiva - richiedere un nuovo finanziamento e ottenere una rata dall'importo maggiormente sostenibile - inferiore a 650 euro): si osservi a tale proposito la convenienza del tasso di interesse dei prestiti personali Inpdap con consolidamento debiti (tabella 1) in rapporto alla tabella successiva (tabella 2) in cui sono evidenziati i tassi di interesse di altri istituti bancari.

IMPORTO FINANZIAMENTI IN CORSO SOMMA RESIDUA PER SALDARE IL DEBITO PRESTITO INPDAP CON CONSOLIDAMENTO DEBITI: TASSO DI INTERESSE NUOVO CALCOLO DELLA RATA MENSILE
650 EURO MENSILI 15.000 EURO FINO AL 4,25% INFERIORE A 650 EURO

Il prestito Inpdap con consolidamento debiti e ALTRI ENTI BANCARI: TASSO DI INTERESSE

Qui di seguito la tabella 2 propone un confronto di Istituti bancari che offrono prestiti di consolidamento debiti, mettendo in evidenza il tasso di interesse applicato nel nuovo finanziamento. Il raffronto è semplice: prestito Inpdap con consolidamento debiti - tasso di interesse massimo del 4,25%; altri istituti bancari - tasso di interesse pari al 10,90% massimo (stima web del novembre 2013). Si consideri inoltre che la maggior parte degli enti finanziari non fornisce i dati del tasso fisso o variabile applicato, ma solo alcune indicazioni sul parametro di calcolo in fase di sottoscrizione del contratto.

ISTITUTI BANCARI CON PRESTITO DI CONSOLIDAMENTO DEBITI
TASSO DI INTERESSE
IBL TAEG FINO AL 7,80%
PRESTITIONLINE.COM TAEG FINO AL 8,90%
AGOS DUCATO TAEG FINO AL 10,6%

Il prestito Inpdap con consolidamento debiti e PRESTITIONLINE.COM: ESEMPIO

Per comprendere meglio e fare un esempio più chiaro di prestito Inpdap con consolidamento debiti, in cui il capitale erogato è versato materialmente da un altro Istituto bancario in convenzione con l'Inpdap, si consiglia di valutare il caso di prestitionline.com, dove si mette in evidenza una situazione finanziarie di tre rate mensili non più sostenibili e con la necessità di ottenere fino a 60.000 euro per saldare il debito contratto e cominciare a pagare un altro finanziamento con rate ridotte e piano di ammortamento personalizzato. Qui di seguito si offrono 5 simulazioni di richiesta capitale prese direttamente dal sito web dell'Istituto di credito:

PRESTITO CONVENZIONE INPDAP CON CONSOLIDAMENTO DEBITI: CAPITALE RIMBORSO MENSILE IN 60 MESI RIMBORSO MENSILE IN 84 MESI RIMBORSO MENSILE IN 120 MESI
8.000 EURO 175 EURO 132 EURO 103 EURO
10.000 EURO 217 EURO 165 EURO 117 EURO
18.000 EURO 389 EURO 294 EURO 227 EURO
25.000 EURO 542 EURO 407 EURO 318 EURO
30.000 EURO 650 EURO 490 EURO 378 EURO

Il prestito Inpdap con consolidamento debiti e BNL: il TASSO DEL 4,45%

Il Prestito BNL Revolution Convenzione INPDAP è una soluzione di finanziamento che può essere utilizzata per consolidare il proprio debito, proprio per la possibilità di ottenere un tasso di interesse agevolato del 4,45%. Non si tratta proprio del prodotto finanziario per il consolidamento debito, ma la BNL ha stipulato un accordo con l'ente di previdenza nazionale per offrire un prestito personale con tasso agevolato, consentendo anche di essere utilizzato per riequilibrare la situazione finanziaria e avere una rata di importo maggiormente sostenibile. Il prestito Inpdap con consolidamento debiti, che eroga direttamente il capitale dal Fondo di credito, ha un tasso di interesse inferiore solo dello 0,25%, per cui particolarmente vantaggioso, se consideriamo le soluzioni prese in esame precedentemente.

E' possibile sottoscrivere il Prestito BNL Revolution Convenzione INPDAP con la modalità di rimborso di cessione del quinto dello stipendio/pensione, consentendo di ottenere un capitale fino a 100.000 euro e un piano di ammortamento fino a un massimo di 120 mesi. La BNL, grazie alla convenzione stipulata con l'INPDAP, offre differenti soluzioni di capitale e piano di rimborso in base alla tipologia di soggetto richiedente e alle sue esigenze, come riportato nella tabella sottostante quale esempio di questa tipologia di finanziamento, mettendo in evidenza il capitale massimo erogabile per dipendenti pubblici e statali in servizio e per pensionati:

PRESTITO BNL CON CONVENZIONE INPDAP CAPITALE MASSIMO EROGABILE PIANO DI AMMORTAMENTO MODALITA' DI RIMBORSO
SOLUZIONI PER DIPENDENTI PUBBLICI FINO A 120.000 EURO 120 RATE MENSILI CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO
SOLUZIONI PER PENSIONATI FINO A 75.000 EURO 60 RATE MENSILI CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

Articolo letto 2.696 volte

Maria Francesca Massa
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Clicca su "RICHIEDI PREVENTIVO" e segui le istruzioni. Richiede solo pochi minuti del tuo tempo, riceverei un preventivo gratuito con l'offerta migliore confrontata tra le maggiori banche e finanziarie

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO