Mini prestito Bancoposta: molto più conveniente, molto più veloce! Dedicato ai possessori di carta PostePay Evolution

Mini prestito BancoPosta: fino a 3.000 euro, senza conto corrente! Con la sola carta ricaricabile PostePay Evolution hai mille opportunità! Tre soluzioni di finanziamento veloci e facili da richiedere, rimborso accessibile a tutti e rate bassissime: scopri tutta la convenienza!

Chi lo ha detto che per ricevere un prestito è necessario possedere un conto corrente? Le nuove modalità di erogazione creditizia ci hanno abituato a forme innovative di prestiti e mutui, distanti dai tradizionali contratti; oltre alle concessioni online, oramai ben note, è possibile richiedere un finanziamento anche tramite carta ricaricabile e il mini prestito proposto da Poste Italiane rappresenta un esempio molto apprezzato per la praticità e la convenienza. Quest'ultimo sembra possedere caratteristiche molto simili a quelle del prestito SpecialCash, ma in realtà gli importi e le durate sono differenti e molto più convenienti (per confrontare le due proposte, si consiglia di presente visione del seguente link Special cash PostePay: il prestito di Poste Italiane per i titolari di PostePay

L'attivazione della carta PostePay Evolution costa solo 5€ e ti permette di godere di numerosi vantaggi, tra cui anche quello di richiedere il mini prestiti BancoPosta!

Il mini prestito BancoPosta è un prodotto finanziario pensato appositamente per i titolari di Carta Postepay Evolution. Con tale servizio, i clienti sono liberi di effettuare i propri acquisti in totale libertà, scegliendo tra tre differenti importi, fino ad un totale massimo di 3.000 euro: il finanziamento viene erogato direttamente sulla carta PostePay Evolution.

Il mini prestito Bancoposta può essere considerato a tutti gli effetti un classico prestito veloce, cioè semplice da richiedere e con tempi di erogazione inferiori ai comuni prestiti personali.

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DEL MINIPRESTITO BANCOPOSTA?

Solo i titolari della carta PostePay Evolution possono richiedere il miniprestito BancoPosta, ma è necessario che essa sia ancora valida e che il richiedente abbia un'età compresa tra i 18 e i 70 anni nel momento in cui procede con la domanda di finanziamento.

Si è detto che una delle caratteristiche più gradite dai clienti è sicuramente la possibilità di scegliere tra tre diverse soluzioni, ovvero fasce di importo accomunate da una durata di rimborso unica, pari a ventidue mesi.

L'erogazione dell'importo scelto avviene in un'unica soluzione, mediante accredito sulla Carta PostePay Evolution, mentre la restituzione del denaro richiesto prevede due diverse modalità, ovvero le seguenti:

  • addebito su Carta PostePay Evolution;
  • addebito su conto corrente BancoPosta.

In entrambi i casi, è previsto un rimborso mensile.

Le tre fasce di importo richiedibili sono quelle indicate nella seguente tabella.

IMPORTO DURATA

RATA

SOMMA DELLE RATE

COSTO EFFETTIVO 

1.000 euro 22 mesi da 50 euro

1.100 euro

100 euro 

2.000 euro 22 mesi da 100 euro

2.200 euro

200 euro

3.000 euro 22 mesi da 150 euro


3.300 euro

300 euro

La durate di 22 mesi consente di mantenere la rata leggera, tra i 50 e i 150 euro. Il TAEG applicato, anch'esso discreto, si attesta al 10, 14%, in linea con la media. 

Inoltre, scegliendo di sottoscrivere il mini prestito BancoPosta, il cliente che desidera estinguere anticipatamente il contratto è svincolato dal pagamento di oneri relativi. Si può estinguere il finanziamento richiesto solo dopo che è trascorso il periodo di recesso, cioè a partire dal quattordicesimo giorno dalla data di erogazione del prestito; è sufficiente recarsi presso qualsiasi Ufficio Postale abilitato al servizio.

È anche riconosciuto al cliente il diritto di ripensamento: anche in questo caso, è necessario attendere il quattordicesimo giorno successivo a quello in cui è avvenuta l'erogazione del prestito.

QUALE È LA DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE PER POTER ACCEDERE AL MINI PRESTITOBANCOPOSTA?

Per richiedere il mini prestito BancoPosta è sufficiente recarsi presso un qualsiasi sportello e compilare il modulo apposito. È importante ricordare di non dimenticare di allegare a quest'ultimo anche la seguente documentazione:

  • il documento d'identità in corso di validità;
  • la tessera sanitaria;
  • un documento attestante il reddito.

In sede di valutazione, l'azienda potrebbe anche richiedere la presentazione altri documenti, relativi soprattutto all'attestazione di reddito, al fine di comprovare la disponibilità e la continuità delle entrate personali.

Nel caso in cui il richiedente fosse uno straniero è necessario presentare la seguente documentazione:

  • il passaporto (che va aggiunto a qualsiasi altro documento di identità presentato);
  • la carta di soggiorno o il permesso di soggiorno in corso di validità;
  • un documento che attesti la residenza in territorio italiano da almeno dodici mesi, nel caso in cui il lavoratore è dipendente, da almeno trentasei mesi, nel caso in cui il lavoratore è autonomo;
  • una documentazione che attesti un'attività lavorativa da almeno dodici mesi continuativi presso lo stesso datore di lavoro.

Anche in questo caso, è probabile che l'azienda richieda una documentazione aggiuntiva rispetto a quella richiesta.

Articolo letto 236 volte

Dott.ssa Sara Tomasello
Confronta gratis i migliori Prestiti online
Clicca su "RICHIEDI ORA", inserisci i tuoi dati e segui le istruzioni. Richiede solo pochi minuti del tuo tempo, riceverei un preventivo gratuito con l'offerta migliore confrontata tra le maggiori banche e finanziarie
Hai bisogno di un prestito? Non aspettare ancora! Scopri le soluzioni personalizzate per dipendenti pubblici, privati e pensionatiRICHIEDI ORA
Prestito INPS e INPDAP in soli 5 minuti! Ideale per lavoratori dipendenti e pensionatiRICHIEDI ORA
Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI con busta pagaRICHIEDI ORA
Hai DEBITI? Ti DIFENDIAMO noi! Chiudi i debiti con Banche e Finanziarie con un risparmio dal 40 al 70%RICHIEDI ORA