Il mutuo a tasso misto: cos'è, come funziona, vantaggi e svantaggi

Il mutuo a tasso misto rappresenta una particolare soluzione che vede la combinazione delle due principali formule di tasso variabile e fisso combinate alternatamente in quanto scelta arbitraria del cliente. Vediamone le principali caratteristiche insieme ai vantaggi e agli svantaggi.

Inerentemente ai mutui e alle rispettive formule di tasso proposte dagli istituti di credito nei confronti di chi abbia l'intenzione di accendere un finanziamento finalizzato all'acquisto della propria abitazione, si è prevalentemente abituati a sentire nominare le opzioni tasso fisso e tasso variabile.

Ma, principalmente, a queste due possibilità è possibile affiancare una terza opportunità di scelta, orientata a quello che comunemente viene definito tasso misto.

Che cos'è dunque, come funziona e quali sono le caratteristiche principali di un mutuo a tasso misto? Scopriamolo insieme.

Il mutuo a tasso misto: cos'è e come funziona

Un mutuo a tasso misto viene principalmente finalizzato alla combinazione delle due tipologie tradizionali di mutuo a seconda

  • delle proprie esigenze personali
  • dell'andamento del mercato

Rappresenta l'opzione di una formula di finanziamento la quale prevede, nel corso della sua attuazione, la possibilità del passaggio da un piano di ammortamento a tasso fisso a un piano di ammortamento a tasso variabile e viceversa, dati predeterminati valori di Spread.

Ad esempio, possono essere stabiliti da contratto:

  • Euribor a 3 mesi+Spread 1,50% per un piano di rimborso a tasso variabile
  • Eurirs+Spread 1,70% per un piano di rimborso a tasso fisso.

cioè è possibile stipulare un mutuo ipotecario indicizzato tra i due parametri con un primo periodo convenientemente variabile e un successivo fisso, atto a conferire maggiore tranquillità sulla lunga durata.

Il passaggio da piano a piano di ammortamento, può essere regolamentato:

  • In fase iniziale di contratto
  • A discrezione del richiedente

La seconda opzione, a sua volta può suddividersi in tre casistiche differenti:

  • Il passaggio può essere scelto successivamente ad un periodo iniziale, corrispondente generalmente tra i 2 e i 5 anni, con tasso predefinito da contratto;
  • Il passaggio può essere scelto come eventuale opzione di scelta alla scadenza del suddetto periodo iniziale con tasso prestabilito da contratto;
  • Il passaggio può essere scelto liberamente dal mutuatario una o più volte nel corso della vita del mutuo.

Il tutto però sempre a discrezione e secondo le condizioni dettate dll'istituto di credito erogante il finanziamento.

MUTUO A TASSO MISTO:
  • SWITCH TASSO VARIABILE - TASSO FISSO
  • SPREAD PREDEFINITI
  • PASSAGGIO PERMESSO DOPO UN DETERMINATO PERIODO SECONDO LE DISPOSIZIONI DELL'ISTITUTO DI CREDITO

Delucidazioni e un esempio pratico

Accendere oggi un mutuo a tasso misto può rivelarsi conveniente alle condizioni di

  • tasso d'ingresso variabile indicizzato Euribor
  • rinegoziazione in tempi brevi

poichè l'Euribor è attualmente ancora ai minimi storici e al di sotto del tasso principale di rifinanziamento della Bce ovvero lo 0,50%.

Di conseguenza anche gli spread applicati dagli istituiti di credito su questo tipo di prodotti saranno in media più bassi rispetto a quelli applicati ad altre soluzioni, in favore dei rischi minori per gli enti eroganti, per cui iniziando con un ammortamento variabile si otterebbe una rata mensile più bassa.

Si pagherebbe dunque un minore importo iniziale per poi cambiare tasso all'occorrenza grazie alla modalità di rinegoziazione del calcolo degli interessi durante il contratto, che permetterebbe al mutuatario l'ottenimento di un piano di rimborso apposito a contenere gli effetti di rialzo o ribasso dei tassi.

Per fare un'esempio pratico, ci si può riferire all'offerta di Deutsche Bank, che permette un tasso d'ingresso variabile e rivedibile ogni 2 anni, quindi con rinegoziazione in tempi brevi, con Spread al 2,60%.

Ipotizzando ad esempio un caso con

  • importo mutuabile di 140.000 euro
  • durata di 20 anni
  • LTV 70%
  • TAEG 3,33%

si otterrebbe una rata mensile di 680 euro.

MUTUO CARATTERISTICHE PIANO DI RIMBORSO
TASSO MISTO IMPORTO DI 140.000 EURO

20 ANNI

RATA MENSILE 680 EURO
LTV 70%

TAEG 3,33%


Il mutuo a tasso misto: vantaggi e svantaggi

La scelta di un mutuo a tasso misto può essere certamente conveniente per chi si trovi in possesso di condizioni reddituali incerte e voglia avvalersi della possibilità di rinviare una scelta decisionale definitiva, anche alla luce dell'incertezza su cui vertono gli andamenti futuri dei tassi.

E' possibile quindi sfruttare ad esempio un'iniziale convenienza garantita da un tasso variabile quindi passare successivamente all'opzione di una rata fissa e stabile nel tempo e definire periodicamente la modalità di riferimento degli interessi sulla base delle oscillazioni dei tassi sul mercato.

Nel momento però in cui il costo del denaro aumenta, sale anche il tasso fisso mentre, in caso di ribasso, solamente la parte variabile beneficierà del calo di interessi.

Passando da un tasso variabile a fisso nel momento di un innalzamento dei costi di mercato, il mutuatario subirà comunque perdite maggiori rispetto a quelle che avrebbero potuto verificarsi alla scelta di un mutuo iniziale a tasso fisso, dato il riferimento al tasso vigente al momento del cambiamento e non a quello da contratto iniziale.

Il passaggio dunque, non può essere definito come garanzia effettiva di risparmio. E' inoltre da ricordare che l'opzione di passaggio reca la presenza di determinati costi aggiuntivi presenti e impliciti negli Spread applicati sui tassi di riferimento sia fissi che variabili, che si presentano maggiormente elevati rispetto alle formule tradizionali.

Da ultimo, la valutazione arbitraria del richiedente circa il futuro andamento degli interessi, implica una certa dimestichezza di anticipazione dei possibili eventi del mercato, per cui rende la scelta del tasso misto quale opzione maggiomente indicata e riservata a soggetti con spiccate capacità intuitive in termini di investimenti e rischi oltre che con approfondite conoscenze di economia dei mercati.

Articolo letto 3.441 volte

Dott.ssa Elisabetta Berra
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Clicca su "RICHIEDI PREVENTIVO" e segui le istruzioni. Richiede solo pochi minuti del tuo tempo, riceverei un preventivo gratuito con l'offerta migliore confrontata tra le maggiori banche e finanziarie

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO