Sei un pensionato e vorresti richiedere un prestito con cessione del quinto? Eccoti tutte le informazioni

Tutto quello che è necessario sapere circa la cessione del quinto della pensione, offerta come garanzia per richiedere un prestito. Approfondimenti e focus per fare il punto della situazione sulla condizione economica dei pensionati. La tutela offerta dall'Inps mediante la Convenzione con le Banche.

Le banche mostrano di riuscire ad avvicinarsi sempre di più alle reali esigenze dei clienti. Oggigiorno, i prestiti non vengono più erogati solamente con la presentazione di garanzie tradizionali, ma sempre di più si sente parlare di finanziamenti senza busta paga, cessione del quinto e dal 2007 anche di prestiti con cessione del quinto della pensione.

In questo modo, gli istituti finanziari sono riusciti a conquistare anche un ampia fetta di mercato che, soprattutto in questo periodo, risente molto della crisi economica. Richiedere un prestito, per un pensionato, può significare molto, ma al contempo può risultare molto difficoltoso, soprattutto per ciò che riguarda il piano di rimborso.

Le modalità di tutela dell'Inps verso i pensionati, hanno fatto sì che i prestiti con cessione del quinto non diventassero un incubo, ma solamente un altro prodotto finanziario, realizzato ad hoc per le esigenze dei pensionati.

UNO SGUARDO ALLA NORMATIVA. IN CHE COSA CONSISTE LA TUTELA DELL'INPS SUI PRESTITI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE?

I prestiti ai pensionati con cessione del quinto sono stati regolamentati già dall'8 febbraio 2007, mediante l'emanazione di un regolamento: in questo modo è stato possibile applicare quanto previsto dall'articolo 13-bis del decreto-legge 14 marzo n. 80, in base al quale vengono disciplinati i prestiti ai pensionati, estinguibili con cessione fino ad un quinto della pensione.

Da quel momento, l'Inps ha emanato una serie di normative, volte alla tutela dei pensionati, nello specifico caso in cui essi fanno richiesta di un prestito con cessione del quinto della pensione.

In particolar modo, quando l'ente erogante il prestito fa notifica all'Inps in merito al contratto di credito, l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale è tenuto a controllare se i seguenti punti sono conformi alle regole di tutela stabilite, ovvero:

  • che la Banca o la Finanziaria abbiano i requisiti richiesti dalla legge per questa tipologia di operazione;
  • che il tasso effettivo globale applicato al prestito sia inferiore al tasso soglia anti-usura;
  • che la rata prevista sia inferiore o pari ad un quinto dell'importo della pensione;
  • che nel contratto siano indicate tutte le spese relative al contratto di finanziamento.

Tra l'Inps e gli istituti di credito viene stipulata una Convenzione, la quale serve a fissare una percentuale massima del tasso di interesse applicabile, ovvero: per i prestiti al di sotto dei 5000 €, il tasso non può superare l'8,45%, mentre per quelli al di sopra dei 5000 €, il tasso non potrà superare il 7,55%.

In questo modo, il pensionato beneficiario del credito conosce in anticipo tutto ciò che gli occorre per affrontare il piano di rimborso con serenità.

CHE COSA È UN PRESTITO CON CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE?

Il prestito con cessione del quinto della pensione è un finanziamento che il pensionato può ottenere, offrendo in garanzia una quota della propria previdenza, pari proprio ad un quinto dell'importo totale.

Il piano di rimborso del prestito avviene attraverso un addebito automatico che l'Inps effettua sulla pensione. Il contratto di prestito non può superare i dieci anni ed è obbligatoria la copertura assicurativa contro il rischio di morte del beneficiario del finanziamento.

Il video qui di seguito consente al lettore interessato di approfondire alcuni aspetti e definizioni inerenti alla cessione del quinto, in particolar modo quella relativa alla pensione.

QUALI SONO I PENSIONATI CHE NON POSSONO RICHIEDERE IL PRESTITO CON CESSIONE DEL QUINTO?

Generalmente, un pensionato che decide di fare richiesta di finanziamento riesce facilmente ad ottenerlo, tuttavia, esistono dei casi in cui tale possibilità viene meno, definendo l'esclusione di alcuni profili previdenziali dall'ottenimento del credito con cessione del quinto.

I profili pensionistici esclusi dalla possibilità di ottenere un prestito con cessione del quinto della pensione sono i seguenti:

  • pensioni e assegni sociali
  • invalidità civili
  • assegni mensili per l'assistenza ai pensionati per inabilità
  • assegni di sostegno al reddito, quali VOCRED, VOCOOP, VOESO;
  • assegni al nucleo familiare
  • pensioni con titolarità per la quota parte non di pertinenza del soggetto richiedente la cessione
  • prestazioni di esodo.

Una volta che il pensionato si è assicurato di non far parte delle precedenti figure, può inoltrare la richiesta di credito. Tuttavia, egli deve prima di tutto procurarsi un documento fondamentale, all'interno del quale viene indicato l'importo massimo della rata del prestito: la Comunicazione di cedibilità della pensione.

Quest'ultima è indispensabile sia all'Inps sia all'istituto erogante, in quanto al primo consente di comprendere quale sia l'importo che il pensionato può sostenere mensilmente, nel rispetto del minimo pensionistico garantito, invece, al secondo permette di fare delle previsioni in merito al piano di rimborso.

Il calcolo della rata del piano di rimborso viene calcolata al netto delle trattenute fiscali e previdenziali, in modo tale da non intaccare l'importo della pensione minima, previsto dalla normativa.

QUALI SONO I PUNTI FONDAMENTALI DELLA CONVENZIONE STIPULATA TRA INPS E BANCHE?

Al fine di tutelare i pensionati, soprattutto nel loro rapporto con le banche, l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha disposto una Convenzione che è stata sottoscritta da numerose banche e enti erogatori di credito. In questo modo, i tassi di interesse riguardanti i prestiti con cessione del quinto della pensione sono mantenuti entro un certo limite, sicuramente molto più favorevole rispetto a quello caratterizzante il mercato contemporaneo.

Per conoscere tutte le banche convenzionate è possibile consultare l'elenco delle Banche e degli Istituti finanziari che hanno aderito alla Convenzione, oppure prendere visione del sito internet www.inps.it (il percorso da seguire è il seguente: Servizi Online>Elenco di tutti i servizi>Cessione quinto>Gestione Enti Convenzionati).

Per avere maggiori informazioni in merito alla Convenzione sottoscritta dall'Inps e dalle banche, si consiglia di prendere visione dei seguenti documenti:

VIDEO FOCUS: LA CESSIONE DEL QUINTO PER I PENSIONATI INPS

Il video qui di seguito desidera fornire una panoramica in merito alla situazione economica che riguarda i pensionati, inseriti in una realtà economica critica: paradossalmente, la pensione risulta essere l'unica entrata fissa e sicura. Proprio per tale motivazione, molte sono le campagne di promozione di finanziarie che si rivolgono ai pensionati.

Il video che si propone consente di far luce su molteplici interrogativi, ad esempio su quali sono le finalità del prestito con cessione del quinto per la pensione; la trattazione verte soprattutto sui consigli e gli errori da evitare da parte dei pensionati che decidono di sottoscrivere un contratto di finanziamento con cessione del quinto della pensione.

Articolo letto 378 volte

Dott.ssa Sara Tomasello
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Clicca su "RICHIEDI PREVENTIVO" e segui le istruzioni. Richiede solo pochi minuti del tuo tempo, riceverei un preventivo gratuito con l'offerta migliore confrontata tra le maggiori banche e finanziarie

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO