Carta di credito e come evitare la sua clonazione: i 10 accorgimenti per utilizzare bene la carta e non farsi fregare i soldi

I 10 accorgimenti che permetteranno di modificare il vostro modo di utlizzare la carta di credito/debito, riducendo nettamente il rischio di clonazione e di perdere il denaro a causa di usi illeciti da parte di terzi. Sono solo 10 piccole cose da fare, a cui spesso non diamo peso.

La preoccupazione maggiore di chi ha sottoscritto una carta di credito o di debito collegata al proprio conto corrente è quella della clonazione, operazione con la quale vi è la possibilità di perdere del denaro a causa dell'uso illecito e delle transazioni a propria insaputa. L'operazione non è così semplice, e consiste nella copiatura del codice della carta e del PIN attraverso dei meccanismi di frode, ma non così difficile da essere utilizzata da malfattori abili in questo processo. Molti sono i casi di clonazione delle carte di credito con le transazioni sul web ma anche con i semplici prelievi di contanti agli sportelli ATM.

Le truffe in cui è possibile incorrere con la propria carta di credito non sono solo legate alla clonazione ma alla sottrazione indebita di denaro, operazioni dalle quali ci si può difendere solo imparando ad utilizzare bene la propria carta di credito. Ma cosa significa esattamente utilizzare bene la propria carta di pagamento? Significa adottare dei semplici accorgimenti e strategie che permettono di tutelarsi dalle frodi. Vediamo insieme cosa fare e cosa cambiare nel nostro stile quotidiano di utilizzare la carta di credito per evitare la clonazione e altri errori.

1. CARTA DI CREDITO e PIN in luoghi differenti

Il primo accorgimento da adottare per utilizzare con sicurezza la propria carta di credito e non favorire la clonazione o utilizzo illecito della stessa, è quella di tenere la carta di credito e il PIN in luoghi differenti. In caso di furto o smarrimento della carta, il malfattore non avrà anche la fortuna di avere il codice di sicurezza e utilizzare la vostra carta senza fatica. E' anche importante conservare il numero della vostra banca e del servizio clienti da contattare immediatamente in caso di furto o smarrimento della carta, tenendo cura di segnare il numero per l'Italia e per l'estero.

NOTA BENE: se volete, inoltre, evitarvi la spesa di richiesta di una nuova carta di credito/debito perché smagnetizzata, si consiglia di tenerla sempre lontana da altre fonti magnetiche o di calore.

2. FIRMARE LA CARTA DI CREDITO

La prima cosa da fare all'atto del rilascio della propria carta di credito/debito collegata al proprio conto corrente bancario o postale è quella di emettere la propria firma sul retro della carta. In questo modo è possibile avere sempre una garanzia del titolare della carta e se questa viene smarrita e utilizzata con Pos. L'esercente può da subito rilevare che la carta di credito non è dell'utilizzatore del momento, chiedendogli di esibire il proprio documento di identità. Allo stesso modo, l'emissione della firma sulla carta di credito permette di riconoscere la carta originale da quella clonata.

3. FARE UNA COPIA della CARTA DI CREDITO

In seguito all'aver apposto la firma sul retro della vostra carta di credito/debito, un valido accorgimento per tutelarsi nel caso di furto o smarrimento è quello di fare una fotocopia della carta di pagamento. In questo modo avrete sempre a disposizione il numero della vostra carta di credito e i codici del retro, la vostra firma e la data di scadenza. Si pensi per esempio, al caso di furto o smarrimento della carta mentre si è all'estero: avere una copia della carta contenenti i dati semplifica l'operazione di blocco e denuncia.

I dati della carta di credito/debito sono utili per verificare in tempi reali le possibili transazioni illecite a vostro carico e la possibile clonazione della vostra carta, che avrà lo stesso numero e PIN ma senza il microchip, ancora difficile da riprodurre. Per avere maggiori informazioni, leggi anche il dettagliato articolo sulle metodologie di clonazione delle carte di credito e come difendersi, in cui sono bene esposte tutte le strategie per copiare i dati personali del cliente, della carta e i codici segreti.

4. VERIFICARE L'IMPORTO della TRANSAZIONE nello scontrino

Nel momento in cui si pagano dei beni e servizi con la propria carta di credito/debito, prima di firmare lo scontrino è importante verificare che i dati della carta, l'importo e la data della transazione siano corretti, evitando frodi nella richiesta del corrispettivo dovuto (magari in date e scadenze incongruenti in base alla data del saldo) o importi differenti da quelli che realmente sono da pagare. La costante verifica di queste informazioni prima di emettere la propria firma sullo scontrino permette di tutelarsi dalle truffe nell'importo delle transazioni.

Lo stesso processo di verifica degli importi deve essere effettuate quando si esegue una transazione sul web, come per esempio l'acquisto di un biglietto aereo. L'importo del bene è presente al termine delle fasi di inserimento dei dati personali; successivamente all'inserimento del circuito di pagamento della carta di pagamento e dalla tipologia stessa della carta, l'importo varia in rapporto al costo di commissione. Verificate, dunque, la congruenza tra l'importo del bene acquistato e la tassa di commissione per la transazione. Non è, infatti, rara la presenza di siti fasulli o che applicano, al momento della transazione, delle somme aggiuntive, non molto elevate per non dare nell'occhio, ma comunque superiori al presso calcolato preventivamente nel sito.

5. CONSERVARE gli SCONTRINI di TRANSAZIONI e PRELIEVI

Per tutelarsi dalle frodi negli importi da corrispondere durante le transazioni, è importante non solo verificare di volta in volta le somme richieste con il Pos, come detto nel punto precedente, ma anche conservare tutti gli scontrini delle transazioni e dei prelievi, importanti per avere uno storico nel caso ci sia problematiche e incongruenze nell'estratto conto. Questo è l'unico modo per difendersi dagli addebiti illeciti, involontari, scorretti.

6. BLOCCARE LA CARTA in caso di FURTO o SMARRIMENTO

In caso di furto e smarrimento della carta di credito/debito, la prima cosa da fare è quella di bloccare la carta, operazione necessaria per evitare usi illeciti e di perdere del denaro. Non preoccupatevi se avete il dubbio/speranza di poterla ritrovare. Se dovesse succedere, è meglio pagare il costo di una nuova carta (tra l'altro gratuita se legata a furto o smarrimento) che pagare somme sottratte illecitamente dal proprio conto corrente.

7. DISDETTA ADDEBITI della CARTA

Se nella vostra carta di credito/debito sono presenti degli ordini di pagamento con addebito diretto, nel caso in cui abbiate disdetto il contratto di tali pagamenti, o tali somme non siano più dovute, è necessario recarvi presso il vostro Istituto bancario e bloccare ogni richiesta verso l'ente con il quale si è sottoscritto l'addebito. Si consideri che l'ordine di blocco delle richieste di addebito diretto, per esempio di una bolletta o di un canone internet, non è immediato, per cui potrebbe anche essere possibile che un pagamento, se il blocco dell'addebito non è richiesto nella tempistica giusta, possa essere comunque detratto dal vostro conto corrente.

8. TAGLIARE la CARTA alla SCADENZA

Ogni carta di credito/debito ha una validità di 5 anni e viene automaticamente rinnovata con i rilascio di una nuova carta di pagamento. Per evitare di incorrere in errori, uso illecito della carta e clonazione dello strumento di pagamento, è importante, prima di restituirla all'ente di credito, tagliare la carta di credito lungo il microchip rendendola non più funzionante. Lo stesso processo sulla carta di credito deve essere eseguito nel caso si richieda la disdetta della carta di credito.

9. NON FORNIRE I DATI DELLA CARTA VIA WEB

Nessun Istituto bancario richiede i dati personali dei propri clienti o i codici di sicurezza della carta di credito/debito ai propri clienti via web. Le truffe con e-mail fasulle e inviate con oggetto e nome di banche sono all'ordine del giorno: non aprite mai queste mail o una volta aperte o lette non accettate mai di collegarvi con quei link al vostro conto o inserire i codice della vostra carta di credito. Dietro questa tipologia di mail si nascondono, infatti, dei programmi che permettono di carpire le informazioni necessarie a clonare la vostra carta.

10. RICHIEDERE la GARANZIA del PAGAMENTO

Se si sceglie di acquistare un bene o servizio via web, è importante richiedere sempre la garanzia di rimborso della somma pagata con la propria carta di credito/debito nel caso in cui la risoluzione dell'acquisto non vada a buon fine (non arriva, è rotto, viene perso). Questo particolare sistema di garanzia  e di protezione degli acquisti e della stessa carta dalla quale sono prelevati gli importi, permette di bloccare il pagamento fino al momento in cui il prodotto non è stato spedito o ricevuto.

PER RICAPITOLARE: il VIDEO INFORMATIVO

Per comprendere meglio e ricapitolare, qui di seguito si propone un breve video informativo in cui si spiegano di differenti modi di clonazione delle carte di credito durante il prelievo in contante dello sportello ATM e come tutelarsi:

Articolo letto 2.625 volte

Maria Francesca Massa
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Clicca su "RICHIEDI PREVENTIVO" e segui le istruzioni. Richiede solo pochi minuti del tuo tempo, riceverei un preventivo gratuito con l'offerta migliore confrontata tra le maggiori banche e finanziarie

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO