Carta Postamat Inps: l'unica ricaricabile conveniente e gratuita che ti consente di accreditare la pensione

Accredito della pensione, pagamenti e prelievi gratuiti, Iban associato: tutto questo in unica carta prepagata e ricaricabile. L'Inps Card di Poste Italiane: conveniente e completamente gratuita.

Nuovamente, l'azienda Poste Italiane propone sul mercato un particolarissimo prodotto, dedicato a coloro i quali non possiedono un conto corrente, ma desiderano ugualmente effettuare le medesime operazioni dedicate ai correntisti. Mediante la carta Postamat Inps Card, infatti, il titolare può disporre bonifici, riceverli, prelevare ed effettuare pagamenti, farsi accreditare lo stipendio o la pensione, ricaricare e utilizzare la carta quando si desidera.

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DELLE INPS CARD?

La Inps Card è una carta prepagata ricaricabile, associata al circuito Maestro. Essa è principalmente scelta e utilizzata da coloro i quali decidono di disporre di un prodotto alternativo al conto corrente, che permetta loro di vedere accreditarsi lo stipendio e la pensione.

Con Inps Card, infatti, non è più necessario recarsi all'ufficio postale per ricevere la pensione o le altre tipologie di contributi INPS, tutto avviene telematicamente.

La carta Inps di Poste Italiane può essere richiesta direttamente all'ufficio postale presso cui si è soliti riscuotere la pensione, mentre per le altre tipologie di accredito, è possibile recarsi presso qualsiasi altro ufficio.

Una volta che l'accredito è stato eseguito, il titolare può disporre della liquidità, prelevando dagli ATM Postamat senza alcun costo (nel caso in cui si decidesse di prelevare dagli ATM bancari la commissione dovuta è pari a 1,75€, mentre all'estero sia in area Euro che extra euro il costo è di 2,58€).

Una volta richiesta la carta Inps, essa viene recapitata al titolare direttamente a casa, congiuntamente al codice personale segreto, in questo modo, è possibile richiederne immediatamente l'abilitazione presso l'ufficio postale.

L'Inps accredita la pensione sulla carta ogni primo giorno del mese; più precisamente:

  • da giorno 1 al 15 del mese il titolare della carta Inps riceve l'accredito della pensione a partire dal mese seguente l'attivazione;
  • dal giorno 16 alla fine del mese il titolare della carta Inps riceve l'accredito della pensione a partire dal 2º mese successivo all'attivazione.

COME FUNZIONA L'INPS CARD? QUALI SONO LE OPERAZIONI POSSIBILI CON L'INPS CARD?

Il titolare della Inps Card può utilizzarla per pagare i propri acquisti presso gli esercenti convenzionati con il circuito della carta Cirrus/Maestro.

È possibile spendere tutto l'ammontare disponibile sulla carta, fino alla prossima ricarica, tuttavia esistono dei limiti di pagamento giornalieri, pari a 600€, per tutti quegli acquisti effettuati presso gli esercenti convenzionati con il circuito della carta; il limite mensile è di 1600€.

CHE COSA SONO LE CARTE CONTO?

Le Carte Conto sono delle particolari carte prepagate e ricaricabili, le quali prevedono l'abbinamento di un Iban. Esse sono nominative, dunque vengono intestate ad una sola persona. Mediante l'Iban associato alla carta conto, il titolare può accreditare lo stipendio o la pensione direttamente, oltre a ricevere ed effettuare bonifici. In pratica, esse vengono chiamate carte conto, in quanto consentono di fare alcune operazioni possibili solamente con un conto corrente.

È anche previsto un limite di prelievo giornaliero, sia che si decida di operare tramite Postamat sia mediante Bancomat bancari, pari a 600€ (mentre il limite di prelievo mensile è pari a 2500€).

Per conoscere il saldo e la lista movimenti della carta Inps è possibile recarsi presso i Postamat.

In caso di furto o smarrimento della carta Inps, il blocco è gratuito. Per ricaricare la propria Inps card è necessario recarsi presso gli sportelli degli uffici postali.

È POSSIBILE TROVARE SUL MERCATO DELLE VALIDE ALTERNATIVE ALL'INPS CARD?

Sul mercato è possibile trovare numerose carte, in alternativa all'Inps Card di Poste Italiane. Esse, chiamate carte conto, vengono emesse dalle banche; pur essendo anch'esse delle carte prepagate ricaricabili non sono gratuite come l'Inps Card. Alle carte conto viene comunque associato un Iban.

QUANTO COSTA L'INPS CARD?

Scegliere una Inps card significa evitare di pagare un canone annuale previsto dai conti correnti, oltre ad avere l'opportunità di poter prelevare gratuitamente dagli Atm Postamat e all'ufficio postale. L'Inps card non prevede alcun costo di gestione annua, inoltre sono gratuiti tutti i pagamenti ed i prelievi effettuati presso gli ATM postamat, oppure presso i pos degli uffici postali, senza limitazioni di numero.

Al fine di fornire un'idea ben precisa della convenienza, ma anche dei costi complessivi dell'Inps Card, si fornisce la seguente tabella dettagliata.

PRELIEVI PRESSO GLI ATM DELLE BANCHE, SUL CIRCUITO CIRRUS/MAESTRO 

  • 1,75€ se effettuato nell'area euro;
  • 2,58€ se fatto nelle zone extra Ue.

PLAFOND MASSIMO

3.000€, 50.000€ annui caricabili in un anno solare

COSTO DELLA CARTA INPS

Gratuita

TECNOLOGIA CONTACTLESS

No

COSTI DI RICARICA

Ricarica gratuita con accredito pensione o altra prestazione da parte dell'Ente Previdenziale.

Commissione di 1€ su ricariche presso gli sportelli dell'ufficio postale;

  • 1€ da ATM Postamat con carta di pagamento aderente al circuito Postamat e abilitata alla funzione;
  • 1€sui siti di www.poste.it e www.postepay.it;
  • 1€ da SIM poste mobile abilitata;
  • 1€ da ATM Postamat con carta di pagamento su circuito Visa, Visa Electron, MasterCard e Maestro;
  • 2€ presso i punti vendita Sisal;
  • 2€ presso i punti vendita collegati a Banca ITB.

COSTI DI PRELIEVO

Prelievo da sportello bancomat ATM in Italia o all'estero per un massimo di 600€ giornalieri e 2.500€ mensili. Il prelievo costa 1€ presso gli ATM di Poste Italiane. Costa 1,75€ presso gli ATM VISA/VISA Electron in Italia e in zona Euro e 5€ nei paesi non-Euro.

QUALI SONO I VANTAGGI E SVANTAGGI DELL'INPS CARD?

Il principale vantaggio dell'Inps card è senza dubbio il suo basso costo, in quanto non è previsto il pagamento di alcun canone annuo, nessuna commissione per i prelievi al Postamat e presso gli uffici postali.

Inoltre, non sono riconosciuti interessi sulle somme depositate e non è previsto il pagamento dell'imposta di bollo.

L'unico svantaggio è quello legato al documento di registrazione che deve essere aggiornato ogni quaranta giorni, dunque il titolare deve comunque recarsi di tanto in tanto presso gli uffici postali.

Articolo letto 3.665 volte

Dott.ssa Sara Tomasello
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Per consentire l'erogazione ed il monitoraggio delle campagne pubblicitarie erogate tramite text-link vengono utilizzati alcuni sistemi di tracciamento che consentono di rilevare i click effettuati sui text-link stessi e, eventualmente, la lead effettuata tramite compilazione della form presente nella pagina di destinazione. In relazione a queste operazioni scaturisce una contitolarità tra la società ClickADV s.r.l. con sede in Via dell'Unione Europea n. 6/A-6/B, 20097 San Donato Milanese (MI) - email: privacy@payclick.it e la società cliente società cliente Signor Prestito S.P.A. con sede in Viale Delle Nazioni, n. 9 - 37135 Verona (VR) - email: privacy@signorprestito.it. Puoi ottenere maggiori informazioni prendendo visione della specifica informativa privacy

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO