I finanziamenti di Carive Intesa SanPaolo per le imprese: settore energia e fotovoltaico

I finanziamenti offerti da Carive Intesa SanPaolo per le imprese che desiderano assicurarsi una crescita sostenibile e qualificarsi competitivamente all'interno del mercato di riferimento, riducendo i propri consumi, mitigando l'impatto ambientale in modo tale da diventare efficienti dal punto di vista energetico.

Quando si parla di futuro dell'Italia non si può prescindere dal pensare alle imprese, alla loro attività, ma anche alle loro perdite e alle carenze dei tempi moderni. È necessario che idee innovative e investimenti contribuiscano a rinvigorire l'economia del nostro Paese, in modo tale da spingerla verso una ripresa, seppur non immediata, ma quantomeno sicura.
Le banche hanno ben capito tale necessità, proprio per questo motivo, si propongono al mercato di riferimento con prodotti appositamente ideati per venire incontro alle esigenze delle aziende made in Italy.
Offerte finanziarie specifiche e settoriali vengono in soccorso dell'economia imprenditoriale , attraverso una serie di piani e programmi volti a fornire la sicurezza dovuto alle imprese Italiane; tre gli istituti di credito più attivi, rientra il gruppo Intesa SanPaolo con Carive.
Mediante la proposta di differenti soluzioni  pensate per finanziare una serie di progetti, è possibile pensare di investire le quote a disposizione sia per i piccoli investimenti sia per quelli più complessi, i quali richiedono soluzioni personalizzate.

QUALI SONO LE MACROAREE DENTRO LE QUALI È POSSIBILE CLASSIFICARE I PRESTITI DI CARIVE INTESA SANPALOLO PER LE IMPRESE?

Al fine di fornire i giusti strumenti finanziari per supportare l'economia made in Italy, Carive Intesa SanPaolo ha giustamente settorializzato i sui prodotti, così da venire incontro alle aziende che operano in differenti ambiti, quali i seguenti:

  • settore delle energie;
  • settore dell'agricoltura e dell'ambiente;
  • settore del turismo;
  • altri settori.

Mediante un programma finanziario appositamente ideato, è possibile far ripartire la propria impresa e proiettarla al futuro e, perché no, anche verso i Paesi esteri (per approfondire l'argomento dei finanziamenti di Carive Intesa SanPaolo per le aziende che vogliono investire in paesi stranieri è consigliabile consultare l'articolo che si trova tra i link a piè di pagina).
Nel settore delle energie si distingue il prestito Fotovoltaico imprese, finalizzato al sostegno delle progettazione e della realizzazione di impianti fotovoltaici e destinato a quelle imprese che desiderano assicurare la crescita sostenibile e qualificarsi competitivamente all'interno del mercato di riferimento. Energie imprese, invece, è un finanziamento finalizzato a sostenere i progetti imprenditoriali di quelle imprese che desiderano ridurre i propri consumi, mitigando l'impatto ambientale e diventare così efficienti dal punto di vista energetico.
Per il settore agricoltura e  ambiente, Carive propone il finanziamento Ambiente e Sicurezza, finalizzato a quelle imprese che desiderano impiegare strutture e macchinari volti alla tutela ambientale e alla sicurezza sul lavoro. Agricoltura è il finanziamento ideato per le imprese che operano o gravitano attorno al settore agricolo: è un prodotto flessibile e personalizzabile.
Per il settore del turismo la banca ha ideato il finanziamento Turismo, finalizzato a sostenere la crescita delle imprese che operano in questo settore.
Il finanziamento Flessibilità Più comprende due linee denominate Restart e Extendi, finalizzate a sostenere lo sviluppo aziendale in qualsiasi momento, con una grande flessibilità legata alle esigenze degli investimenti.
Una volta fatta una panoramica dei prodotti finanziari di Carive Intesa SanPaolo per le imprese, è il caso di descriverli uno per volta, attenzionando le caratteristiche e modalità di rimborso, in particolare del settore delle energie,ovvero dei seguenti:  Fotovoltaico Imprese ed Energia Imprese.
Per avere una trattazione dettagliata e completa dei prodotti finanziari di Carive Intesa SanPaolo, si consiglia di prendere visione della seconda parte, ovvero dell'articolo legato al presente, che è possibile trovare tra i link a piè di pagina.

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE GENERALI DEL FINANAZIAMENTO FOTOVOLTAICO IMPRESE?

Grazie alla vigente normativa in materia di incentivazione alla produzione di energia rinnovabile, il fatto di realizzare un impianto fotovoltaico rappresenta una vera e propria attività di business per le aziende.
Il finanziamento Fotovoltaico Imprese si rivolge a tutte quelle imprese individuali o alla società che desiderano realizzare impianti fotovoltaici, assicurandosi una crescita sostenibile: la banca sostiene la progettazione e la realizzazione di tali iniziative.
Carive si avvale di personale specializzato al fine di consultare il cliente e indirizzarlo verso il programma di finanziamento più consono, in modo tale da fornire soluzioni su misura.
Per usufruire dell'erogazione del finanziamento Fotovoltaico Imprese è necessario essere possessori di un conto corrente presso Carive Intesa SanPaolo.

QUALI SONO LE VARIANTI IN CUI È POSSIBILE RICHIEDERE IL FINANZIAMENTO FOTOVOLTAICO IMPRESE?

Il finanziamento Fotovoltaico Imprese può essere richiesto nelle seguenti tre varianti:

  1. a tasso variabile;
  2. a tasso fisso;
  3. con erogazioni a stato avanzamento lavori.

Le prime due varianti sono ben note ai lettori esperti (in caso contrario è consigliabile approfondire l'argomento, consultando gli articoli dedicati, presenti all'interno di questa guida), va da sé che è utile ricordare, che la prima è particolarmente adatta per tutte quelle imprese che desiderano mantenere un tasso in linea con l'andamento del mercato, ma che ugualmente sono in grado di sostenere gli eventuali aumenti dell'importo delle rate. La seconda variante è adatto a quelle imprese che desiderano avere la certezza delle spese da sostenere, sin dal momento della sottoscrizione del contratto.
L'erogazione del finanziamento Fotovoltaico Imprese, con erogazioni a stato avanzamento lavori, avviene in tre quote in base agli impegni di spesa e dello stato di avanzamento del programma di investimento. L'erogazione è prevista al momento in cui si procede al completamento dei lavori.
Per comprendere meglio il funzionamento di tale variante, qui di seguito si riporta una parte del foglio illustrativo dedicato al finanziamento Fotovoltaico Imprese(vedi link sotto).

Con l'erogazione a saldo, che avviene al completamento dei lavori, il finanziamento viene messo in ammortamento. Con questa modalità di erogazione, la cessione del credito GSE è materialmente acquisibile solo successivamente all'entrata in esercizio dell'impianto fotovoltaico ed all'erogazione del mutuo; nel contratto di finanziamento è pertanto indicato un termine entro il quale l'impresa si impegna a provvedere alla cessione del credito e a presentare la polizza assicurativa "all risk", pena la facoltà della Banca di risolvere il contratto.
Nel periodo di erogazioni a stato avanzamento lavori vengono corrisposti solo interessi; il tasso applicato è sempre variabile in funzione dell'Euribor base 360 a 6 mesi (aggiornato mensilmente rilevando il valore dell'Euribor il penultimo giorno lavorativo bancario del mese precedente) più lo spread. Gli interessi vengono liquidati semestralmente alle scadenze fisse del 30/6 e 31/12 e rappresentano, quindi, la somma degli interessi di ciascun mese calcolati come descritto sopra.
Nel periodo di ammortamento il tasso può essere fisso o variabile ed il rimborso avviene mediante pagamento posticipato di rate comprensive di capitale ed interesse a decorrere dal 1° giorno del mese successivo a quello della stipula dell'atto di erogazione finale con messa in ammortamento.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Per avere maggiori informazioni in merito al finanziamento Fotovoltaico Imprese, è consigliabile consultare il seguente documento: Foglio Informativo N145 Finanziamento Fotovoltaico Imprese.

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE GENERALI DEL FINANZIAMENTO ENERGIA IMPRESE?

Il finanziamento Energia Imprese è destinato al supporto delle imprese che desiderano realizzare i seguenti investimenti (per stilare l'elenco si fa riferimento a quanto riportato sul sito carive.it):

  • la costruzione di nuovi impianti volti al raggiungimento di un alto rendimento di energia derivante da fonti convenzionali, quali ad esempio i combustibili fossili in impianti di sola produzione elettrica, assimilate, quali ad esempio l'energia elettrica e termica prodotta in cogenerazione da un'unica sorgente di energia primaria, rinnovabili, ovvero i combustibili prodotti da rifiuti urbani o da sottoprodotti di lavorazione dell'industria, biomasse di origine agricola/forestale, energia solare di tipo termico o fotovoltaico, energia eolica, energia idroelettrica
  • gli investimenti di potenziamento delle fonti energetiche esistenti;
  • la riattivazione di vecchi impianti
  • gli interventi di riconversione delle fonti da convenzionali ad alternative;
  • spese di razionalizzazione del consumo e miglioramento del rendimento/efficienza degli impianti di produzione di energia
  • gli investimenti di risparmio energetico nei processi produttivi con particolare riguardo alle attività ad alto assorbimento energetico.

QUALI SONO LE VARIANTI IN CUI È POSSIBILE RICHIEDERE IL FINANZIAMENTO ENERGIA IMPRESE?

Il finanziamento Energia Imprese prevede l'erogazione a stato avanzamento lavori, suddivisa in tre quote in base alle spese e alla documentazione presentata in merito all'avanzamento del programma di investimento.
Anche in questo caso, al fine di fornire una descrizione dettagliata del prodotto in questione, ci si rifà al foglio illustrativo dedicato al finanziamento Energia Imprese (vedi link sotto).

Con l'erogazione a saldo, che avviene al completamento dei lavori, il finanziamento viene messo in ammortamento.
Nel periodo di erogazioni a stato avanzamento lavori vengono corrisposti solo interessi; il tasso applicato è sempre variabile in funzione dell' Euribor base 360 a 6 mesi (aggiornato mensilmente rilevando il valore dell'Euribor il penultimo giorno lavorativo bancario del mese precedente) più lo spread. Gli interessi vengono liquidati semestralmente alle scadenze fisse del 30/6 e 31/12 e rappresentano, quindi, la somma degli interessi di ciascun mese calcolati come descritto sopra.
Nel periodo di ammortamento il tasso è variabile ed il rimborso avviene mediante pagamento posticipato di rate comprensive di capitale ed interesse a decorrere dal 1° giorno del mese successivo a quello della stipula dell'atto di erogazione finale con messa in ammortamento.
Il finanziamento a tasso variabile prevede che il tasso di interesse possa variare a scadenze prestabilite rispetto al tasso di partenza secondo le oscillazioni del parametro di riferimento.
Il tasso variabile è consigliabile alle imprese che vogliono un tasso sempre in linea con l'andamento del mercato e possono sostenere eventuali aumenti dell'importo delle rate.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Per avere maggiori informazioni in merito al finanziamento Energia Imprese, è consigliabile consultare il seguente documento: Foglio Informativo N103 Finanziamento Energia Impresa.

Articolo letto 482 volte

Dott.ssa Sara Tomasello
Richiedi subito un PRESTITO personalizzato
Clicca su "RICHIEDI PREVENTIVO" e segui le istruzioni. Richiede solo pochi minuti del tuo tempo, riceverei un preventivo gratuito con l'offerta migliore confrontata tra le maggiori banche e finanziarie

Prestito fino a 60.000 euro in piccole rate anche per CATTIVI PAGATORI. Ideale per Dipendenti e Pensionati. Preventivo in soli 5 minuti!

RICHIEDI
PREVENTIVO